Archivi tag: You me at six

«Are you serious, bro?» – You Me At Six + Kids In Glass Houses + Mayday Parade +The Skints @ 02 Brixton Academy 02-04-12

Di Dalila Carriero

Sono qui a raccontare come un lontano giorno piovoso d’ottobre delle giovani fanciulle ebbero la malsana di idea di prendere dei biglietti per andare a vedere gli You Me At Six a Londra dato che vivere nel paese più malcagato al mondo non è una cosa bella, quindi diamoci all’avventura in quel di Brixton. Continua a leggere «Are you serious, bro?» – You Me At Six + Kids In Glass Houses + Mayday Parade +The Skints @ 02 Brixton Academy 02-04-12

Annunci

IT’S A FUN TO STAY AT THE Y.M.A.S. (tanto non capirete la sottile ironia del titolo) – Sinners Never Sleep by You Me At Six

Di Chiara Cislaghi

Invece di scrivere la mia tesi recensisco il nuovo album degli You Me At Six… ed è tipo il loro primo album che ascolto e quindi non so assolutamente cosa scrivere, ma fa niente qualcosa di incredibilmente figo mi verrà in mente mentre ascolto le tracks.

Sinners never sleep è uscito il 3 ottobre 2011 ed è il terzo disco della band di Surrey, Inghilterra, dove sono amati e seguiti da chiunque;

La prima canzone è Loverboy ed è anche il primo singolo da cui è stato estratto il video nel quale Josh Franceschi è veramente sexy e  i membri della band sono in una tipica “sala-da-interrogatorio” in quanto accusati di un qualche crimine da due poliziotti cattivissimi. Si succedono anche dei momenti in cui appaiono delle fanciulle che ballano… ma torniamo alla canzone, direi che è molto “catchy” in quanto mi ha abbastanza preso ed è la prima volta che li ascolto seriamente, il giro di basso e il tarararara rara ra rarrà iniziali ti si appiccicano alle pareti del cervello…per quanto riguarda il testo onestamente credo che abbia un significato ma purtroppo non lo colgo quindi vi posso solo dire che parla di questo “loverboy” che, a quanto apre, è stato bellamente ucciso… dal Josh!!(Così si capisce dal video in quanto appare lui con la “tipica-targa-per-fare-la-foto-da-detenuto” con la scritta “sinner” – ma da quando i sinner uccidono poi?-) . Volete che mi dilunghi in odi a virtuosismi tecnici? Spero di no perché ne rimarreste profondamente delusi in quanto non ho nessuna intenzione di farlo;

Bene, l’album prosegue con Jaws On The Floor, onestamente appena partita ho pensato: “niente di che”, ma poi mi saltano fuori con “Life’s a bitch, but I’m friends with her sister” e mi ha preso moltissimo. Il testo credo parli di una sorta di relazione non ben definita con questa ragazza che quando deciderà “to cut the strings” deciderà anche di rovinargli la “summertime” e quindi lui tenta di spiegargli che non è il caso e che potrebbero essere qualsiasi cosa lei voglia perché lui ha sta cercando di vivere nel suo mondo;

La terza canzone è Bite my tongue featuring Oli Sykes dei Bring Me The Horizon ed è una canzone che parte tranquilla ma poi diventa Bbrooooooootal (come direbbe la Khelly). Dal vivo la parte in growl è stata cantata da Josh Franceschi che in assenza di Oli se la sa cavare benissimo da solo. In quanto al testo, riguarda una sorta di break up perché lui è “married to the music” nel bene o nel male e sostiene che “you’ve taken the pride in becoming nothing” e lui non ce la fa più a vedere questo suo lato perché è diventata quello che lei stessa prima odiava, si venduta per la fama e poi urla un “fuck you” che direi che riassume tutta la canzone;

Si continua con  This is the first thing,  anche questa canzone è carina nonostante parli (ancora) di un amor finito, e nello specifico del primo amore;

Segue No one does it better e il tutto sta diventando un tantinello pesante con tutti questi amori andati a quel paese…però tutto sommato ci sta anche questa di canzone, perché se io posso salvare te allora tu puoi salvare me, perché nessuno lo fa meglio di te… detto ciò scriviamo canzoni più allegre no? Su con la vita dai!;

Passiamo alla sesta canzone Little Death credo che il titolo dica tutto da sé – sempre che sappiate che un little death non è una piccola morte ma un orgasmo -. Posso permettermi di dire che anche questa è nello stile degli YMAS, di questo album quantomeno;

Crash è una tipica “ballad” abbastanza coinvolgente. Bello il testo che parla (indovinate un po’?) di un amore da teenager finito ma che col tempo, dopo essere riusciti a rimetterne insieme i pezzi, benché non ci sia niente sulla loro strada e nonostante potrebbero anche cadere, si potranno rialzare insieme… un po’ smielata ma anche originale come testo;

L’ottava canzone è Reckless il titolo promette bene ed infatti èuna canzone strumentalmente allegra anche se il testo non è dei più felici, è intenso ed originale… ennesima ragazza andata via ma chissenefrega ci passiamo sopra (così ci piace di più) perché sono Mr.Reckless with the capital R!;

Si avvicina la fine dell’album e della tortura editoriale alla quale vi sto sottoponendo…Time is money featuring Winston McCall dei Parkway drive, parte bene e finisce con una voce broooooootalissima ma ci sta, anche qui si parla di una certa signorina che benché lui la ami ancora si è un po’ rotto le scatole di tutte le boiate che combina e quindi un liberatorio “I’m sick of this shit” chiude l’allegro quadretto;

Little bit of truth è un’ altra ballata..carina anche questa devo dire..anche il testo ci sta, dice “voglio scrivere una canzone che non ho mai scritto prima, una canzone che ti faccia sorridere, che faccia sì che tu rimanga qui per un po’, ho bisogno che tu sappia che ogni volta che sono di fronte a te mi sento invincibile, ho molto da imparare e ogni bridge che canto sembra che io stia bruciando e quindi quello che devo fare è cantare una canzone e sono stanco di dire che mi dispiace anche se non è vero, ma è tutto quello che ho”;

The dilemma è una canzone con un ritmo orecchiabile, parte dicendo “lascia che ti racconti la storia di un ragazzo e di una ragazza, una versione diversa da quella che hai sentito..ok sto dicendo un bugia” ecco e io che mi ero illusa… parla di un’altra fanciulla un po’ superficiale (“she cared for the stage, not who she was with”) e che nonostante sia una “golden girl with golden hair” lui non ha tempo da pardere con questo tipo di persone;

When I was younger conclude l’album..è un’altra ballata sulla differenza di pensiero che hai quando sei “giovane” e del come questo cambi mentre cresci, sul come quando sei piccolo prendi come oro colato quello che tuo padre ti insegna, ma poi, crescendo, devi imparare ad arrangiarti da solo e “to carry the torch”.

Spero di aver fatto una recensione decente nonostante la mia inesperienza…alla prossima recensione!

Whatever-you-like of Brixton – You Me At Six @o2 Academy Brixton 15-10-11

Di Denise Pedicillo e Michela Rognoni
Foto di Denise Pedicillo

Non pensavo che gli You Me At Six fossero così popolari in UK ed è per questo motivo che ci siamo presentate davanti alla o2 academy di pomeriggio – e anche perché sprecare un’intera giornata a Brixton non avrebbe avuto molto senso – . Arrivate lì abbiamo visto gente accampata dalla sera precedente che ci chiedevano di buttare i loro materassi e cuscini.
Due sono state le cose più fighe successe durante l’attesa: la prima era il tizio dello staff che girava con il sacco per raccogliere la spazzatura e che urlava cose del tipo “your mom doesn’t allow you, I don’t allow you too” e che sembrava un marines – c’era anche la filastrocca pick it up qualcosa ma non ce la ricordiamo, però abbiamo riso un sacco -. L’altra erano Josh e Max che si parlavano da una finestra all’altra, imitando il tizio che raccoglieva i fondi e parlava nel megafono.
Anche i tizi dei Lower Than Atlantis, o forse erano i Deaf Havana, cercavano di essere simpatici, e lanciavano la frutta ai loro fans per poi cercare di far canestro nel cesto delle offerte con alcune monete.
Ma passiamo al concerto.. la o2 academy è un posto fighissimo, sembra di essere in un esterno quando invece si ha un tetto sopra la testa e inoltre da ogni parte si vede benissimo, visto che il pavimento e fatto in salita. Per questo motivo decidiamo di non andare nella folla ma stare davanti all mixer, dove resteremo comodamente sedute durante le esibizioni dei supporter e dove io cercherò di prendere la scaletta per terra, invocando il potere di Mc Gyver e Gabe Saporta.

Ad aprire il concerto sono i Lower Than Atlantis, la gente inglese sembrava essere felice di ciò, ed interagiva con la band e si esaltava tantissimo. Qualcuno della band chiese al pubblico di sedersi per terra. E allora noi ci sedemmo per terra, senza mai più rialzarci però.

Dopo di loro i Deaf Havana sembravano avere ancora più fans. Scusateci ma non è che siamo proprio intenditrici di questo genere di musica urlato e brutale. Anche qui, stavamo sempre sedute per terra ad osservare gli strani comportamenti degli altri spettatori, quasi tutti ubriachi.

Le luci si spengono per accendersi subito dopo e illuminando un Dan Flint a petto nudo. Data la mia posizione e la mia talpaggine, sembra di vedere il cantante dei Red Hot Chilli Peppers ma dettagli. Subito dopo salgono uno alla volta gli altri You Me At Six. L’ultimo ad apparire è ovviamente Josh. Iniziano a suonare Consequence e la folla inizia a cantare con loro. Tra una canzone e l’altra, le luci si spengono e si riaccendono illuminando Josh che da spazio a discorsi che, più che discorsi, sembrano pubblicità “è uscito il nostro nuovo CD compratelo”, “Ora facciamo un tour blabla, veniteci”, “grazie per essere venuti, siete il pubblico migliore del mondo” etc..
La scaletta è composta da 15 canzoni, e le esibizioni pompano un casino, tanto che durante Trophy Eyes si formano due cerchi, uno davanti al palco e l’altro a lato del mixer, e la gente comincia a pogare.
Con Bite My Tongue – canzone che pensavo non avrebbero mai suonato, dato la parte whoo whoo di Oliver Sykes (potevano farla fare ai deaf havana volendo) – si scoprono le doti bvootal nascoste di Mr Franceschi, doti comunque apprezzabili anche se ti lasciano un po’ a bocca aperta all’inizio.
Arriva il momento in cui le luci si spengono, gli You Me At Six scendono dal palco, fingendo di aver concluso il concerto, e la folla – soprattutto il tizio ubriaco di fianco a noi – comincia ad intonare una “lalalalalalala la la” anticipando Lover Boy, che sarebbe stata la prossima canzone. Da qui in poi è il delirio: gente che salta, ubriachi che cominciano a pogare random, ragazzi che buttano le proprie fidanzate sulla gente e poi le filmano e infine Josh che fa salire sul palco le persone per concludere il concerto sulle note di Underdog. – In mezzo c’era Stay With me tipo, tutti cantavano come degli ossessi. –
Tralasciamo l’interminabile fila per uscire e per il merch e i tizi al mixer che non capiscono il mio “give me the setlist under the table” ma dettagli.

Fuori ci sono dei tizi da film sul punk che amoreggiano – probabilmente pieni di sostanze stupefacenti – avvolti in un materasso. Purtroppo siccome la metro chiude troppo presto non possiamo stare ad aspettare fuori dal locale. Ciao You Me At Six, forse ci rivedremo quando verrete in Italia.