Archivi tag: venezia

HOME FESTIVAL: la musica incontra il design al Fuori Salone di Milano

unnamed (2)

Anteprima del “Miglior Festival Italiano” con il release party di “Marassi – Deluxe” degli Ex – Otago, Pau (Negrita) & Dj am:pm, Roshelle e Mudimbi.
Ecco tutti gli eventi in programma dal 4 al 9 aprile in via Tortona 10 – 12

Continua a leggere HOME FESTIVAL: la musica incontra il design al Fuori Salone di Milano

Annunci

The Flatliners in Italia

the flatlinersI The Flatliners hanno annunciato che torneranno in Italia ad agosto (la band ha anche una data in programma a maggio). Guarda qua sotto i dettagli!

Continua a leggere The Flatliners in Italia

Gnarwolves @ C.S.O Rivolta, Marghera 27/11/15

di Umberto Damigiano

12193351_955001777913046_1149439073597009491_nIn una giornata limpida e soleggiata quasi degna dell’estate, freddo a parte, io e Jeghi siamo belli carichi per raggiungere il Rivolta di Marghera e goderci la prima data del mini tour italiano degli inglesi Gnarwolves. Dopo un viaggio in bus di quattro ore finalmente raggiungiamo Mestre dove aspettiamo altre due amiche, dirigendoci successivamente al Lidl lì nei paraggi causa x Finkbräu x , per poi finalmente arrivare all’ormai tanto blasonato centro sociale/sala concerti.

Grazie al mio brother from another mother Fox, che rivedo dopo ben 6 mesi, riesco ad entrare prima dell’apertura porte ufficiale; mentre assisto al soundcheck dei sad punx veneti Saudade  scambio due parole con la ragazza del chitarrista Zizmo e altri due ragazzi che si occupavano del merch, e riesco anche a salutare il mio cornish lad preferito Thom.

Alle 20:40 i Saudade salgono sul palco, e nonostante la poca affluenza di persone dovuta all’orario i fioi sono presi bene e ci regalano uno strabiliante set dove suonano il loro Selt Titled EP uscito verso la fine di Ottobre, Blue By You da Nonstop Feeling dei Turnstile e un’inaspettata nuova traccia, molto più Skate Punk rispetto al sound del Debut EP, che a quanto pare verrà inclusa nel prossimo lavoro della band; nati solo da un paio di mesi questi ragazzi sanno come produrre musica e credetemi, hanno già in serbo del nuovo materiale che ne darà tanto.A seguire, direttamente da Vicenza, è il turno dei Blankets. Ormai parte della famiglia Venezia Hardcore, il quartetto ci propone il proprio Debut EP uscito nell’estate del 2014, ovvero un Punk melodico, a tratti aggressivo, con un tocco di malinconia ma soprattutto un’attitudine dedita al sing along, al finger pointing e ai feels; niente da dire se non superbravi.

Successivamente ho seguito i Saudade nella venue Osteria, e dato che il buon Thom dei Gnarwolves era lì per la cena io e il resto dei fioi ne abbiamo approfittato parlandogli di varie cose, dell’ultimo EP appena pubblicato, del relativo tour con i Boxkite passando per storie non propriamente legali; dopo aver salutato Fox, che per cause di forza maggiore è costretto a perdersi la parte più succosa dell’evento, i Saudade mi incaricano di badare al banchetto merch, giusto il tempo di prepararsi per l’esibizione della band successiva.

Da Pesaro con furore finalmente ho la possibilità di vedere gli Edward In Venice. Prestazione live impeccabile grazie all’incredibile voce del frontman e agli arrangiamenti elaborati e dinamici; la performance è scandita dai brani presenti nel nuovo EP Howler oltre che da tracce più datate, il tutto condito da una presenza scenica, sempre a cura del vocalist, da 10 e lode.

Una delle stelle più luccicanti del grande universo Venezia Hardcore aka Danny Trejo è pronta a calcare il palco del Nite Park. Per i suddetti local heroes il pit si infiamma e gli Hardcore Kids presenti iniziano a dilettarsi nell’arte dello stage dive selvaggio; ero molto impaziente di vederli dal vivo e sono rimasto completamente folgorato dall’energia/dedizione che questi ragazzi mettono in ciò che fanno. La scaletta perlopiù era composta da tracce tratte dal loro full-lenght Human Exctinction, tra cui spiccavano The calm before the storm, Memories vs Goals, Agency e Get drunk with Danny Trejo; inoltre i feat con Alberto degli Attempts e Mike dei Blame It On The Ocean hanno reso lo show ancora più degno di nota.

Poi è il turno dei Boxkite, direttamente da Plymouth. Dopo la dipartita degli Spraynard spettava ai wolves di Brighton cercare una band che li sostituisse, e questo compito credo sia stato svolto in maniera più che soddisfacente.La band suona un hardcore che si divide tra sonorità lente, cadenzate e anche abbastanza black, e altre invece che propongono un approccio più veloce, sporco e diretto, il tutto costruito intorno alla voce roca e grintosa del frontman. I brani suonati durante il set sono estratti dal loro 7″ uscito quest’anno per Tangled Talk e dal singolo Oak Ridge; inizialmente non mi dicevano granché ma dopo l’esibizione live di venerdì, tra l’altro scandita da un Charlie che mosha e fa capriole, mi sono dovuto ricredere per forza.

Dopo 10 minuti finalmente il momento che tutti aspettavano è arrivato: i Gnarwolves sono pronti per dare vita al delirio. La scaletta proposta è veramente varia e comprende Decay e Party Jams dal loro primo EP Fun Club, proseguendo con il cavallo di battaglia History Is Bunk, We Want The Whip e A Grams Is Better Than A Damn da CRV,  arrivando alle brand new songs del nuovo EP Adolescence e del full-lenght pubblicato lo scorso anno, come Daydreamer, Blondie, The Waiting Line, Smoking Kills, Everything You Think You Know,Bottle to Bottle ed un’inaspettata Eat Dynamite, Kid; in poche parole una scaletta che non ha deluso nessuno e un’esibizione live che è inutile dilungarsi e sprecare parole: le nocche arrossate delle mie mani, le foto scattate durante la serata e il successivo after in stazione in compagnia del freddo polare credo che possano ben mostrare cosa sono in grado di tirare su questi ragazzi e quanto questa band sia importante per me.

“1993” by Noël

di Riccardo Volpe

noelI Noël sono un gruppo neonato di Venezia che ha pubblicato alla fine del 2014 una demotape di 4 tracce intitolata “1993“. Il trio suona un punk italiano minimale con varie sfumature che vanno dall’indie (grazie al sound lo-fi delle canzoni) all’emo, influenza particolarmente riconoscibile nel cantato e nei testi. Continua a leggere “1993” by Noël

Interview with Gnarwolves

di Samir Batista, Umberto Damigiano e Riccardo Volpe

Warnings: English version available HERE

gnarwolvesMille anni fa, per concludere in bellezza le interviste relative all’evento della primavera Venezia Hardcore, abbiamo scambiato quattro chiacchiere con Thom, dei britannici Gnarwolves.
Ecco cosa ci ha raccontato: Continua a leggere Interview with Gnarwolves