Archivi tag: My Chemical Romance

My Chemical Romance: Jarrod Alexander batterista nel nuovo album

Image

I My Chemical Romance sono attualmente in studio di registrazione a Los Angeles con Doug McKean e Frank Iero ha rivelato in un’intervista al The Aquarian Weekly che il batterista per il nuovo album sarà Jarrod Alexander.

“Per prima cosa: Chi suonerà la batteria? Sarà Jarrod per il Bamboozle e suonerà anche per il prossimo album?

Haha, oddio. Subito le domande scottanti, eh? Jarrod è un ragazzo simpatico e un fantastico musicista. E’ stato molto divertente fare musica con lui in questi ultimi mesi. Ama il caffè e picchia duro sulla batteria… e il fatto che non sia un pezzo di spazzatura da rubare è come una boccata d’aria fresca per noi. Ma visto che abbiamo avuto solo una settimana per prepararci per questo show e con i problemi di organizzazione che abbiamo avuto e tutto il resto, abbiamo deciso di utilizzare un batterista umano e vivente piuttosto che il super computer di War Games. Comunque abbiamo soprannominato il computer Jarrod.”

i Blink-182 cancellano il North American Tour

blink182

I fans di Blink-182 e simili non devono fare i salti di gioia ultimamente, ma d’altro canto questo è quello che puo’ succedere quando i propri idoli non sono più giovanissimi e gli acciacchi avanzano..

Non bastavano i problemi di salute di Tom DeLonge a far cancellare il tour degli AVA, ci si sono messi anche quelli di Travis Barker.
I Blink-182 hanno infatti cancellato il loro tour poiché il batterista ha dovuto imbattersi in una tonsillectomia d’urgenza.

La band ha rilasciato questo statement:

“I membri dei blink-182 hanno annunciato oggi la cancellazione di tutte le date di Maggio 2012 a causa di un’emergenza medica. Il batterista Travis Barker, richiede una tonsillectomia urgente con un periodo di recupero che coprirà tutte le date previste per il tour. La band si scusa per gli inconvenienti causati dalla cancellazione e ringrazia i loro fans per il continuo supporto.

I concerti del 10 e 11 Maggio al Winstar Casino in Thackerville (Oklahoma) sono stati spostati al 13 e 14 Settembre. I biglietti già emessi saranno validi per le nuove date. I rimborsi disponibili nei punti di acquisto.

Le seguenti date sono cancellate e non verranno riprogrammate::

15 Maggio – Blue Cross Arena in Rochester, NY;
17 Maggio – the Verizon Wireless Arena in Manchester, NH;
18 Maggio – Mohegan Sun in Uncasville, CT;
19 Maggio – The Bamboozle in Asbury Park, NJ;
20 Maggio – Sands Bethlehem Event Center in Bethlehem, PA;
22 Maggio – Colisee Pepsi Arena in Quebec City, Canada.

I rimborsi per questi show saranno disponibili ai punti di acquisto. Ogni biglietto acquistato su http://www.ticketmaster.com o http://www.billetech.com saranno automaticamente rimborsati sulla carta di credito utilizzata per fare l’ordine. Tutti i biglietti acquistati al box office della location devono essere riportati al box office per ricevere il rimborso.”

Inoltre il Bamboozle Festival ha annunciato che saranno i My Chemical Romance a prendere il posto dei Blink-182:

“Come molti di voi hanno sentito, Travis Barker dei Blink-182 ha avuto un’emergenza medica e quindi la band è stata costretta a cancellare diversi show, tra cui la data del The Bamboozle Festival.
Sentiremo molto la mancanza dei Blink-182 e tutti noi auguriamo a Travis un veloce recupero.

The Bamboozle 2012 ha modificato la lineup per Sabato 19 Maggio e siamo contenti di annunciarvi che I My Chemical Romance si esibiranno prima dei Foo Fighters sul main stage.
Per ulteriori informazioni visitate: http://www.TheBamboozle.com/.”

I festival in Italia sono sempre i più brutti – Sonisphere day II

 Di Lorenzo De Carolis

(Foto di Flora Mocerino)

La tappa italiana del famoso festival Sonisphere 2011 si ha avuto luogo ad Imola.

(Se ci sarà una prossima edizione in quello stesso posto, consigliamo di munirsi di crema solare)

Il prezzo del biglietto era intorno agli 85 euro, che però, posso dire siano stati spesi benissimo.
La seconda giornata è iniziata con i Rival Sons, che con la loro musica hanno aperto davvero bene le danze (un tizio sotto un loro video su you tube scrisse che loro sarebbero il risultato di una notte di sesso tra wolfmother e led zeppelin -Jimmy-). Subito dopo ecco apparire i The Kids In Glass Houses, gruppo alternative rock/powerpunk che è riuscito ad incantare il pubblico con musica molto piacevole e coinvolgendo durante le canzoni, quasi ai livelli degli headliner della serata a parer mio. Dopo di loro un altro grande gruppo, i Damned Things, gruppo formato da ex membri di Fall Out Boy e Antrax, che hanno reso molto divertente la situazione, e spinto anche loro con grinta il pubblico. Seguono i The Dwarves che hanno portato da Chicago ad Imola la loro musica particolare molto vecchio stile, e il cantante si è esibito in uno stage diving prima di lasciare palco tra le grinfie del gruppo successivo (A me non è piaciuto il loro stile, ma ad altre persone sì ).
Dopo di loro i Funeral For A Friend, primo tra i gruppi attesissimi ad esibirsi. Con il loro pseudo-metal hanno reso la situazione esaltante, con grinta stratosferica hanno richiamato un pogo (all’ una e mezza del pomeriggio) al quale posso dire di essere stato presente e sopravvissuto.

I Kyuss Lives, sono gruppo non degno di nota non avendo trascinato il pubblico – almeno hanno dato un pretesto per riposare -Jimmy- – .

Il sole è ancora piuttosto alto nel cielo quando arrivano i Guano Apes ad iniziare la parte più importante del concerto. Pieni di energia, e molto divertenti, non deludono il loro vasto pubblico. Dopo di loro, i The Cult più che suonare sembrava distribuissero acqua, con oltre 2 pacchi di bottiglie lanciate. Non si meritano nessun altro commento , quindi inizierei a parlarvi del vero e proprio spettacolo con i Sum 41, che hanno portato i fan ad impazzire letteralmente. Uniche due pecche: la tracklist ancora poco rinnovata e i troppi errori con la voce di Deryck, soprattutto nel finale (lo dico a mio malgrado, in quanto suo fan sfegatato). Dopo di loro i My Chemical Romance, gruppo che non amo troppo, oltre qualche loro canzone. Nonostante stessero suonando piuttosto bene, alcuni fan dei Linkin Park con poco spirito gruppo hanno iniziato a tirar loro bottiglie, offenderli e gridare a gran voce per i Linkin Park. A quel punto, il frontman Gerard Way e compagni hanno deciso di abbandonare il palco (deludendo così moltissimi fans. In Italia ci facciamo sempre riconoscere, il rispetto degli altri è il nostro miglior pregio! – Jimmy-).

I Linkin Park, invece, hanno mantenuto le aspettative, con un grande schermo dietro di loro come scenografia e facendo completamente esplodere il Sonisphere con la loro musica ed il loro stile caratteristico. Veramente da 10.

L’ unica nota dolente sono stati i prezzi dei gadget e t-shirt, esagerati ad ogni evento. Si poteva scegliere però di aquistarli subito fuori uguali ma non originali a cifre stracciate (non fate mai una cosa del genere per l’amor del cielo, fareste un torto ai poveri merch guys! – Jimmy-).
Tirando le somme, si è trattato di un concerto favoloso, e se verrà rifatto lo consiglio a tutti quanti, perché, nonostante il prezzo – che ha smorzato molto i partecipanti – ne è valsa la pena.