Archivi tag: Milano

Un party a cui troppe persone sono state invitate – LMFAO @ Alcatraz, Milano 14/03/12

Di Sara Cavazzini

Disclaimer: non avrei mai voluto scrivere questo post (poi capirete perché), ma mi sono apparsi in sogno Gabe Saporta e Billy Beckett e mi hanno ordinato di farlo.

Mi scuso in anticipo per tutta la misantropia che ci sarà in questo articolo, ma sono abituata a concerti con gente civile, o con poca gente, dove addirittura ho il mio spazio vitale, quindi davanti a così tante persone mi sono trovata in difficoltà.
Dopo una settimana passata a letto malata e qualche giornata troppo pesante, la cosa migliore da fare sarebbe andare a un hypermelodic pop-punk show, e invece no, mentre Chelli e Chiara erano a farsi un sacco di risate con gli On My Honor (e se non avete letto la recensione/visto l’intervista fatelo subito), io sono andata a vedere gli LMFAO, e il risultato non è stato esattamente lo stesso.

Continua a leggere Un party a cui troppe persone sono state invitate – LMFAO @ Alcatraz, Milano 14/03/12

Annunci

Best WASTED Ever – Best Wish Ever + All The Rage + guests @ Trashick 02-03-12

Di Michela Rognoni

Disclaimer: La redattrice di questa recensione non è momentaneamente innamorata segretamente di nessun cantante di nessuna delle band emergenti descritte.

Da un sacco di tempo siamo a conoscenza dell’esistenza di una serata chiamata Trashick, ma non abbiamo mai avuto un buon motivo per parteciparvi. Fino ad ora.
Perché venerdì 2 marzo alla Casa della Musica di Milano, prima di festeggiare il secondo compleanno del Trashick, avrebbero suonato i Best Wish Ever, ed è sempre divertente vedere cosa combinano sul palco. Continua a leggere Best WASTED Ever – Best Wish Ever + All The Rage + guests @ Trashick 02-03-12

La migliore musica (letteralmente) “underground”.

Di Michela Rognoni

Ultimamente sui social network sta girando la storia del famoso violinista Joshua Bell che suona Bach in metropolitana all’ora di punta, passano più di 1000 persone, guadagna 32$ ma nessuno lo riconosce perché nessuno aveva tempo per percepire la bellezza e riconoscere il talento.
Tralasciando il fatto che, secondo il mio modesto parere, lo stesso esperimento tentato da un musicista pop – tipo John Mayer – sarebbe fallito miseramente, oggi ho intenzione di dare il giusto spessore agli artisti di strada. Perciò eccovi una lista di quali artisti potreste incontrare sulla metropolitana – in particolare sulla linea verde – di Milano:

Continua a leggere La migliore musica (letteralmente) “underground”.