Archivi tag: Boys Like Girls

Record Stories: Sara

Di Sara Cavazzini
20140722-201356-72836949.jpg

Pensavo che la parte più interessante della mia record story sarebbe stata l’introduzione, ma visto che sono l’ultima a doverla fare, tutto quello che c’era da dire è già stato detto e quindi sarò breve. Compro CD, compro tanti CD, li tengo ordinati in modo maniacale, guardo i booklet, li leggo parola per parola, testi, ringraziamenti, credits… tutto, insomma. E non li faccio toccare da nessuno; ogni tanto mi distraggo da quello che sto facendo e inizio a  guardarli anche completamente a caso, insomma tutte queste cose qua. Ogni volta che cedo alla mia dipendenza ed entro in un negozio di dischi, gli occhi del proprietario si illuminano alla vista delle decine di CD che mi accingo a comprare. Sì, decine alla volta, non scherzo, perché il mio problema sta nel fare scelte, insomma, se hai già in mano 14 CD e li senti già tuoi, con che coraggio ne abbandoneresti uno? Con che coraggio lo rimetteresti nello scaffale da cui l’hai preso, facendolo sentire inferiore agli altri? Io non ce la faccio. Continua a leggere Record Stories: Sara

Annunci

Record Stories: Piescah

10373984_10203771867406685_2450268541152429153_nSarà perché sono nata all’inizio degli anni ’90, ma comprare un cd, aprirlo e annusare quell’odore tipico delle cose nuove ha sempre avuto un fascino tutto suo.
Un po’ come quando, come un tossico, ti ritrovi a sniffare le pagine immacolate di un libro.
Nonostante sia tremendamente dipendente dal mio iPod, è innegabile la soddisfazione che provo quando butto uno sguardo alla libreria e vedo tutti i miei bambini uno accanto all’altro. È quello che mi serve per sentirmi ancora attaccata al passato, quando la tecnologia non era ancora così sviluppata e noi non ne eravamo così drammaticamente dipendenti.
Del resto, il fascino del vintage non muore mai. Continua a leggere Record Stories: Piescah

Mark Hoppus e i “na na na”

mark2Di Denise Pedicillo

Ormai abbiamo appurato che il signor Mark Hoppus (e famiglia al seguito) mette piede sul territorio italiano in media 3 volte l’anno – non che a noi dispiaccia, anzi. Abbiamo quindi cercato di stilare una classifica sulle cose che ama il nostro bassista preferito, e siamo giunti alla seguente conclusione: l’Italia, le scarpe orribili e ripetere le parole nelle canzoni.

Ecco quindi una lista delle canzoni in cui c’è lo zampino di Mark Hoppus e la sua passione per il “NA NA NA”. Continua a leggere Mark Hoppus e i “na na na”

TOP 10: I dischi che non avrebbero avuto senso se non fossero usciti nel 2006

Di Michela Rognoni

LOLPer capire questa cosa dovete essere stati adolescenti nel 2006 se no ciao pep (tipica espressione milanese che non significa praticamente nulla). Nel 2006 eravamo tutti tristi. Non si sa perché, forse avevamo tutti avuto un sogno premonitore sulla crisi economica del 2008 che avrebbe ucciso tutti i nostri sogni uno ad uno come in un Final Destination. O forse, come al solito, è tutta colpa di MTV.  I ragazzi cominciavano a mettersi la matita per occhi e le ragazze cominciavano a truccarsi da vampiri infatti l’anno prima era uscito Twilight ma questa è un’altra storia.  Ecco i dischi che ci hanno accompagnato in quell’oscuro periodo.  Continua a leggere TOP 10: I dischi che non avrebbero avuto senso se non fossero usciti nel 2006