Archivi tag: anniversary

Reach For The Sun dei The Dangerous Summer compie 10 anni

L’estate del 2009 è stata l’ultima estate in cui sono andata in vacanza con i miei genitori.
Il ricordo più vivo che ho di quella vacanza è che passavo le mie giornate ad ascoltare Where I Want To Be in ripetizione. Continua a leggere Reach For The Sun dei The Dangerous Summer compie 10 anni

Annunci

How well do you know the words to All Time Low’s So Wrong, It’s Right?

Our long time favorite So Wrong, It’s Right (which also happen to be the best All Time Low record) came out exactly 10 years ago! Let’s celebrate with this quiz:

Continua a leggere How well do you know the words to All Time Low’s So Wrong, It’s Right?

“Mamma guarda ho 12 anni!” – Simple Plan @ Fabrique, Milano 16-06-17

di Michela Rognoni

Ogni volta che i Simple Plan annunciano una data in Italia decido di non andarci, che sono grande ormai, e invece poi ci vado lo stesso. Questa volta invece PLOT TWIST: per il suo 15esimo anniversario la band suonerà tutti i brani di No Pads, No Helmets…Just Balls e allora mi compro 666 biglietti e ci vado solo io e voi tutti a casa. No non è vero, ne ho comprato solo uno di biglietto perché anche gli altri disagiati fan dei Simple Plan dai tempi di Addicted e le altre canzoni belle belle in modo assurdo hanno il diritto nonché dovere morale di fangirlare esattamente come me. Ecco quindi che tipo fuori le all star con i lacci fosforescenti e regredisco ai 12 anni. L’anno prossimo ho l’esame di terza media, che paura.

Ad aprire le danze ci sono i Milestones, perché i Mallory Knox hanno avuto un incidente (probabilmente erano regrediti anche loro ai 12anni per colpa dei Simple Plan e si sono dimenticati come si guida) e sono stati costretti ad abbandonare il tour. I Milestones sono piacevoli (l’autocorrect mi scrive minestrone al posto di milestones lol), terribilmente catchy e se la cavano più che bene su un palco così alto! Mi erano sembrati più generic quella volta al Legend, e invece sorpresona!

sp milano

Durante il cambio palco mettono su un paio di canzoni per risvegliare i feels e poi le luci si abbassano e i Simple Plan iniziano carichissimi con “I’d Do Anything” e poi uno dopo l’altro nell’ordine corretto tutti i pezzi dell’album più bello della mia preadolescenza. Proprio tutti eh, anche “You Don’t Mean Anything”, anche “I’ll Meet You There” che poi uno piange disperato e non ce la si può fare. L’ordine viene spezzato solo per piazzare “Grow Up” prima di “Perfect” e vi giuro che con queste due una di fila all’altra viene abbastanza difficile respirare.
La performance è praticamente impeccabile, d’altra parte se uno dopo 15 anni di carriera non è impeccabile c’è qualche problema di fondo…
Ovviamente finito NPNHJB lo show continua con qualche pezzo più recente: da Your Love is a Lie all’inflazionatissima Summer Paradise, alla nuovissima Boom caratterizzata dal suo testo da Smemo. Pensandoci, i testi da Smemo li ho sempre rimproverati ai Simple Plan. Pensavo “hai 30 e passa anni, non puoi scrivere cose tipo “You’re my favorite song, my sing-along” ... ma è anche vero che a 20 non scrivi “She has two arms to hold me / Four legs to wrap around me“… quindi il punto è che loro si impegnano per scrivere le frasi da Smemo, e la mia Smemo è sempre stata piena delle loro frasi quindi è una win-win situation no?

sp milano1

Si chiude tutto con Welcome To My Life che è tipo la vivisezione di un teenager. Tipo prendi un ragazzino lo apri e da un’analisi accurata viene fuori Welcome To My Life.
Quando ancora oggi facciamo le lotte su chi fosse il gruppo fondamentale della nostra adolescenza tra i Blink e i Green Day, ogni tanto mi dimentico che in realtà i miei prefe erano i Simple Plan (e i Sum 41, evidentemente apprezzo i nomi per S e i prodotti canadesi). Menomale che me lo ricordo sempre in tempo per andare ai loro live.

“E se i frontman fossero personaggi di Harry Potter?”

headergio

Di Giorgio Molfese

L’hanno scritto più o meno ovunque, probabilmente hanno anche cancellato il terribile murales “io e te 3msc” scritto da Giasone per Barbara (e se mi cogliete la cit. siete i miei bff per sempre) dal muro dietro casa per informarvi, vostra nonna blatera parole in latino e il piccolo fratellino impiccione vi sta colpendo con una mazza per poi proclamare a voce alta “non male Molfese, bravo come battitore”.

tumblr_mqb9whgHUw1s8vitxo1_500.gif

Ragazzi, Harry Potter compie 20 anni! La più bella cosa mai scritta su carta è stata pubblicata per la prima volta vent’anni fa e non ce ne siamo nemmeno accorti.
L’influenza che questo bambino ha avuto sulle nostre vite è stata più o meno colossale quindi perché non giocarci un po’?
Ho deciso di unire le due cose che più influiscono sulla mia vita, la magia e la musica. Quindi che personaggio di Harry Potter potrebbero interpretare i frontman delle nostre band preferite?

harry-potter-i-dont-know-maybe-lord-voldemort.gif

Beh comincerei da Patty “Grattastinchi” Walters perché è troppo felice, e i gattini sono per le persone felici.
Ben Barlow è tipo il troll che il buon professor Raptor infiltra di nascosto la notte di Halloween al primo anno, Bertrand “Fleur Delacour” Poncet vabbè, che ve lo dico affà. E che dire di Kellin Quinn e la sua terrificante somiglianza con il nostro amato Severus Piton?


La nostra carissima Jenna McDougall è decisamente Luna “Lunatica” Lovegood, basta vedere le sue ultime decisioni su qualsiasi cosa del mondo tipo la natura, i capelli, i vestiti e, ovviamente, i nargilli. Ma passiamo oltre, verso Tom Fletcher dei McFly che negli ultimi tempi è stato più volte scambiato per Tom Felton quindi gli diamo il Trofeo Draco Malfoy.

Ve lo ricordate il Platano Picchiatore? C’é solo un frontman che potrebbe impersonare quell’albero; signori e signore Mister Parker Cannon! Niente foto ai piedi del Platano please.

CAN’T SEE THE DIFFERENCE

Capitolo Alex Costello, frontman dei Roam, che chiaramente è Dobby. Voce stridula uguale, l’altezza è quella quindi si.

Derek DiScanio non può che presentarsi travestito da Neville Paciock perché alla fine si rivela il più fico di tutti, abbiamo poi Hayley “Ninfadora Tonks” Williams, che ha cambiato look 666 volte in 666 anni.

giphy (5).gif

Andiamo un attimo fuori tema con Ed “Ronald” Sheeran, che vabbè potete indovinare da soli a che famiglia appartiene e sempre restando nei paraggi direi che Travis Clark dei We The Kings si aggiudica di diritto il ruolo di Bill Weasley.


I Seaway non sono nessuno ma sono perseguitati da Mundungus Fletcher a quanto pare. Quello dei Being As An Ocean è il Cappello parlante perché non sta zitto un minuto, Dan O’Connor e Alan Day dei Four Year Strong se la giocano a scacchi per il ruolo di Rubeus Hagrid, Joe Taylor dei Knuckle Puck è chiaramente James Potter anche nella vita reale mentre la medaglia al vecchio della scena la diamo a Mark “Silente” Hoppus.
Chiudiamo in bellezza perché il cattivone è il cattivone e bisogna metterne uno pazzo uguale. Tom. Marvolo. Fronzilla. Riddle. aka Lord Voldemort.


Harry è il prescelto. Tom DeLonge, mio caro Tom DeLonge… se te la senti il ruolo è tuo.


Non sono riuscito a trovare abbinamenti decenti per alcuni personaggi quindi chiedo direttamente a voi, chi potrebbe impersonare Gazza, Hermione, Sirius Black e gli altri? Mandatemi un gufo con le risposte.
Io torno ad adorare il santuario di libri che ho qui in cameretta.

Fatto il misfatto

117166.gif

20 anni di Harry Potter e la Pietra Filosofale: smistiamo le band!

header

di Martina Pedretti

Il 26 giugno 1997 J.K. Rowling pubblicava il primo romanzo della fortunatissima saga di Harry Potter. La Pietra Filosofale ha segnato quella che sarebbe stata la storia magica più famosa di tutti i tempi.

When-You-Get-New-iPhone

Dopo aver letto la saga e visto e rivisto i film, i fan hanno deciso di autosmitarsi nelle varie casate della Scuola di Stregoneria e Magia di Hogwarts: Grifondoro, Serpeverde, Tassorosso e Corvonero. Infatti per festeggiare questo anniversario abbiamo deciso di smistare anche noi qualcuno… le band della scena internazionale pop punk!

anigif_enhanced-6815-1445439830-8

Venite dunque senza paure
E mettetemi in capo all’istante
Con me sarete in mani sicure
Perché io sono un Cappello Parlante!

 

GRIFONDORO

giphy (3)

forse Grifondoro la vostra via,
culla dei coraggiosi di cuore:
audacia, fegato, cavalleria
fan di quel luogo uno splendore.

Tra i coraggiosi Grifondoro abbiamo deciso di inserire sicuramente Neck Deep e State Champs. Due band vivaci che con la loro audacia hanno rivoluzionato il pop punk anni ’10, arrivando ad essere le due portabandiera del genere.

neckdeepstatechamps.gif

giphy (4)

 

SERPEVERDE

tumblr_inline_nc5ga9rDhA1s2a6v1.gif

O forse a Serpeverde, ragazzi miei,
voi troverete gli amici migliori
quei tipi astuti e affatto babbei
che qui raggiungono fini ed onori!

I Serpeverde vengono sempre associati all’immagine che tutti si sono fatti di Draco Malfoy: un ragazzo viscido, arrogante e viziato. Ma loro non sono solo questo. Secondo noi sono Serpeverde i The Story So Far, con la loro attitude aggressiva e un po’ sopra le righe, e anche i WSTR, che nel loro brano Footprints si rivedono in un bambino capace di parlare il serpentese. Poi forse i Knuckle Puck per la loro passione per il verde e i With Confidence perché la loro hit più famosa si chiama Voldemort, e insomma sappiamo tutti la casa di appartenzenza del Signore Oscuro.

tumblr_n4urfypP5U1rpgy5wo1_500.gif

maxresdefault

 

TASSOROSSO

source (1).gif

O forse è a Tassorosso la vostra vita,
dove chi alberga è giusto e leale:
qui la pazienza regna infinita
e il duro lavoro non è innaturale.

I Moose Blood sono sicuramente dei Tassorosso, un po’ timidi e silenziosi ma sempre pronti a lavorare duramente e sfornare album coi fiocchi. Anche gli Yellowcard potrebbero essere dei Tassorosso , ma solo perché hanno del giallo nel nome. Anche Kylie dei Forever The Sickest Kids si dichiara Tassorosso, anche se il resto della band sostiene di essere tutto tranne che un leale compagno di casata di Cedric Diggory (R.I.P.). Ma mettiamoci anche i Seaway, tanto loro sono canadesi e sono sempre gentili e leali nei confronti di tutti.

huff

tumblr_nqnnzig0ZD1uzr62po1_500.gif

 

CORVONERO

source (2).gif

Oppure Corvonero, il vecchio e il saggio,
se siete svegli e pronti di mente,
ragione e sapienza qui trovan linguaggio
che si confà a simile gente.

I saggi del pop punk sono sicuramente i The Wonder Years, con i loro testi elaborati si guadagno il primo posto nella classifica delle band dotate di intelletto musicale. Anche i New Found Glory e i Four Year Strong, vista l’età un po’ più avanzata e la loro presenza nella scena da qualche anno in più degli altri, sembrano inserirsi alla perfezione tra i Corvonero.

tumblr_n490b5fDj01rpgy5wo1_500

tumblr_mmvhinLzNg1r85uiyo1_500.gif

 

Queste erano i nostri smistamenti, ma vogliamo il vostro parere: quali altre band inserireste nelle varie casate? Diteci la vostra impersonificando il Cappello Parlante, inanto noi ci vediamo in giro per i corridoi di Hogwarts! E ricordate: alle scale piace cambiare!

Moving_stairs.gif

d87557bf98ebc16fae064bf8c11bffa3.gif