Archivi categoria: Records Stories

La nostra coloratissima redazione si mette in mostra, anzi, mette fieramente in mostra i propri dischi , quelli che si custodiscono gelosamente in formato fisico nella propria cameretta.

Record Stories: Matt Arsenault

matt arsenault

Warnings: English Version available below

Gli A Loss For Words hanno fatto tappa in Italia poco tempo fa per darci l’ultimo saluto durante il loro Farewell tour per l’appunto.
Non abbiamo rinunciato a farci una bella chiacchierata con il frontman, Matt Arsenault, però. Ma siccome sarebbe stato abbastanza inutile parlare di cose serie abbiamo deciso di chiedergli le solite curiosità riguardanti album e band. Continua a leggere Record Stories: Matt Arsenault

RECORD STORIES: Moose Blood

di Chiara Cislaghi e Samir Batista

Warning: English version is available by clicking HERE
Moose_BloodIn occasione del Pop-Punk.it Spring Fest abbiamo intervista tutti.
Ma siccome con i Moose Blood, gruppo di punta della scena odierna made in Britan, ci avevamo già chiacchierato a novembre, abbiamo deciso di parlare di altro, di una passione che abbiamo in comune ovvero i dischi.
Ecco quindi le Record Stories di Eddy e Mark:  Continua a leggere RECORD STORIES: Moose Blood

Record Stories: Chelli

396981_10201609725346352_515833018_nEbbene, lo ammetto: sono un’accumulatrice seriale di CD. Mi piace comprarli più che comprare i vestiti (forse perché mi calzano meglio), mi piace guardarli, mi piace riporli in ordine alfabetico, mi piace farli autografare, mi piace leggere i nomi di tutti quegli sconosciuti nei ringraziamenti. Sapete quante band ho conosciuto leggendo i ringraziamenti? Probabilmente solo gli Allister e i Cartel, scusate se è poco. Ogni volta che vado in una città straniera la prima cosa che cerco non è un hotel ma un negozio di dischi usati. Se questo è un crimine allora mi merito 666 ergastoli. Continua a leggere Record Stories: Chelli

Record Stories: Chiara

18104_10200633577546426_853128513_nIo questo articolo non lo volevo fare, perché ho problemi nello scegliere i dischi, quindi ho procrastinato il più possibile ma, ahimè, è arrivato anche il mio turno. Mi piacciono un sacco i dischi, mi piace tenerli in mano e leggere i booklet. Ovviamente tutto è iniziato quando ero una bimba degli anni ’90 ed ho comprato la mia prima cassetta, che non trovo nemmeno più. E non vi dirò certo quale è stata. Ma poi la tecnologia si è evoluta, e così sono arrivati i CD, ferendo nel profondo il mio animo analogico. Così, insieme alla tecnologia, mi sono dovuta evolvere come un Pokémon anche io. Ed ho cominciato a collezionare CD, e, come tutte le cose che mi riguardano, è degenerata, anche grazie a tutti i negozi di CD usati di Milano e del Regno Unito. Sono fermamente convinta che il singolo degli Hanson “MMMBop”, acquistato a ben 1€, un giorno mi arricchirà. Continua a leggere Record Stories: Chiara

Record Stories: Penny

pennyIn un certo momento della mia giovane vita ho deciso che avrei speso tutti i miei soldi comprando CD. Non ricordo bene quale sia stato il giorno, forse pioveva, ma da allora mi sono liberata dei porta-CD da dieci per far posto a mensole enormi che si inclinano ogni giorno di più sotto il peso di quei piccoli parallelepipedi di plastica.
Mi piace collezionare CD e mi piace soprattutto leggere i ringraziamenti in fondo al booklet e sussurrare “conosco questa band!” solo per autoconvincermi di ascoltare buona musica.
Adoro anche portarmi i booklet ad ogni concerto a cui vado con la speranza di riuscire a farli autografare, così in un futuro remoto potrò rivenderli e diventare ricca, anche se sappiamo benissimo che non lo farei mai.  Continua a leggere Record Stories: Penny