Archivi categoria: Ciao Amici!

Triste e spoglio come solo un editoriale può essere

Perché le band pop punk con tanti amici hanno successo

di Martina Pedretti

In anni come questi essere una band emergente nella “scena” pop punk italiana è dura.  C’è stato il periodo 2013-2016 in cui c’erano un sacco di band, un sacco di festival e un sacco di bei momenti. Purtroppo le cose stanno cambiando, e le band pop punk sono sempre meno.

Continua a leggere Perché le band pop punk con tanti amici hanno successo

Annunci

#39 The One Where i Millennial si meritano solo Black Mirror per sempre

Mai e poi mai avrei pensato di dirlo ma i millennial hanno rotto il cazzo.

La generazione che filma i suicidi e si mangia le capsule di detersivo per le visua ha portato la sua polemichetta moralista in territori in cui non doveva permettersi di mettere becco; e ovviamente è solo colpa di Netflix.  Continua a leggere #39 The One Where i Millennial si meritano solo Black Mirror per sempre

#38 Dan Lambton, le parolacce e i 5 seconds of AH NO!

Correva l’anno 2004 e vi giuro che ero io la quattordicenne più figa delle autopiste Busnelli. Mi vestivo di merda perché ero già lanciatissima verso il punk rock ma la mia mamma si incazzava se smettevo di mettermi le felpe della Lonsdale visto che le aveva pagate un botto di soldi. Menomale che poi sono cresciuta di botto di 10 centimetri e quindi non mi sono mai più andate bene. Però il bomberino con l’interno scozzese era proprio figo.
Coooomunque… nel 2004 c’era questa canzone hip hop bruttissima con un beat veramente indecente e una melodia fastidiosissima che però piaceva a tutti. Era F**k It di Eamon, e ci piaceva perché diceva: Fuck you, you hoe, I don’t want you back Continua a leggere #38 Dan Lambton, le parolacce e i 5 seconds of AH NO!

#37 I Måneskin piacciono a tutti e ti conviene accettarlo

La scorsa settimana si è conclusa la undicesima stagione di X-Factor, un talent show a sfondo musicale in cui di musica si parla ben poco, ma questo lo sappiamo tutti già dalla seconda edizione quindi okay. Sulla carta, il calmo e composto Licitra sconfigge i giovani coatti Måneskin che però Continua a leggere #37 I Måneskin piacciono a tutti e ti conviene accettarlo

Awsten dei Waterparks è blue per colpa del Power Ranger Giallo

Nota: “blue” in inglese vuol dire blu, ma si usa anche per dire triste.

Questo mese di novembre è stato davvero duro per le band della nostra scena (e per il cinema, e per Nick Carter) a causa di tutte le “allegations” di molestie sessuali e simili. Durante tutti i dibattiti a seguito di ogni “allegation” sono venuti fuori tanti argomenti e opinioni diverse, ma l’unica cosa che si è rivelata indubbia è che i fan esagerano. SEMPRE. In una direzione o nell’altra, che ci sia da difendere il proprio “idolo” a spada tratta o che ci sia da distruggerlo, i fan esagereranno sempre, un po’ come gli estremisti religiosi (che in quanto estremisti sono estremi, no?). Continua a leggere Awsten dei Waterparks è blue per colpa del Power Ranger Giallo