Why Everyone Left - This Is Not A Test

REVIEW: “This Is Not a Test” by Why Everyone Left

di Michele Pioveguado

Tornano i beniamini del pop punk, gli Why Everyone Left, con un EP nuovo di zecca. This Is Not a Test esce il 2 novembre per Penutilmate Records, etichetta con la quale la band ha di recente firmato.

Con un arrogante tupa tupa anticipato da una chitarrina acustica si apre This Is Not a Test. È “Pick You Up” l’opening track, con un testo aggressivo e pieno di rabbia, rispecchiato dalla parte melodica, risulta un ottimo modo per aprire le danze.

Al secondo posto ecco invece “Stand By” che risulta più leggera del brano precedente. Sonorità tipiche del pop punk fanno da sfondo a un testo più malinconico.

“Bouch” è il primo singolo con il quale la band ha annunciato l’uscita di This Is Not a Test. Un bel coretto iniziale dà il la al brano, il quale è stato creato ad hoc per incatenarsi al cervello. È impossibile dimenticarla ed è ancora più arduo evitare di canticchiarla tutto il giorno. Ascoltatela a vostro rischio e pericolo.

“Whiskey & Coke” o la ami o la odi, non ci sono via di mezzo. Sicuramente il brano nasce come esperimento, sia a livelli di sonorità che di testo, molto più leggero dei soliti lyric degli WEL. Il responso è… esperimento riuscito! Dopo tanti brani che toccano anche temi più spiacevoli, come Anxiety dall’EP Been Home Enough, ci voleva anche una party song leggera, con un bell’effetto radiolina in apertura e un synth stranissimo.

“Dead Inside” è perfetta da cantare a squarciagola durante un live in mezzo a un circle pit. Sull’onda dei due brani iniziali, il testo torna sul viale delle lacrime amare e delle delusioni.

È chiaro che i Why Everyone Left crescano a ogni nuova uscita. La scelta di passare interamente al pop punk lasciando indietro i sound più easycore e hardcore è coraggiosa, ma giusta nel contesto musicale in cui ci troviamo. Il percorso con Penutltimate Records potrebbe essere la svolta che sicuramente la band si merita da anni. Non resta che dire che sicuramente questo EP sarà uno dei più ascoltati in loop su Spotify da tutti i pop punk kids italiani (e speriamo anche dall’estero), e augurare ai WEL di ricevere il riconoscimento che si meritano.

VOTO: 10/10

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.