PREMIERE: Ascolta “Could Never Be You” degli Youngest

di Samir Batista

Could Never Be You, primo disco (io che sono pignolo lo chiamo mini-album, ma poco importa) degli Youngest; lo dico perché nella parola “disco” si riassume, nonostante le tracce siano solamente 6, il primo lavoro veramente completo, esaustivo, della band milanese. Post-hardcore/emo sulla strada di gruppi come Title Fight e Basement, due voci abbastanza diverse a contrapporsi da inizio a fine, in una formula particolarmente vincente quando armonizzano tra di loro. Luca (chitarra e voce) ha un timbro più basso e più rauco e gli viene concesso più spazio: sue sono le canzoni che più colpiscono, da “Mantis” che a metà del lavoro si merita una medaglia d’oro, a “Blossom”, pezzo forte dei primi EP della band, più che meritevole di comparire di nuovo anche qui.

Gli Youngest chiudono con la title track, più lunga della media ma con palm-muting a mille nei versi e il suo ritornello ammaliante, una conclusione che fa centro e colpisce nel segno.

Could Never Be You è quel che ci aspettavamo dagli Youngest e forse anche un po’ di più.

Best Track: Mantis //

Voto: 8/10 //

FFO: breaking down senza ascoltare effettivamente dei breakdown, mettere le long-sleeve di band melodic hardcore senza ascoltare melodic hardcore, essere emo nel 2018

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...