RUBRI-GIO #7: MA LA CONOSCETE QUESTA BAND? – MATCHBOOK ROMANCE

di Giorgio Molfese

Band: Matchbook Romance

Genere: Emo, post-hardcore

Matchbook_Romance_-_Stories_and_Alibis

È il momento di tornare un pochino emo e parlarvi di una delle band che più ha influenzato la mia adolescenza facendo crescere il mio ciuffo a vista d’occhio: i Matchbook Romance. I ragazzi, originari di Poughkeepsie, si conoscono a scuola come più o meno tutte le nostre band preferite e decidono di strimpellare qualcosa insieme.

Nel 2003, dopo un EP e qualche peripezia riguardo al vecchio nome The Getaway, i Matchbook Romance vengono notati da Brett Gurewitz (ex Bad Religion) e vengono messi sotto contratto da Epitaph. Il primo lavoro sotto l’etichetta, West for Wishing EP, fa subito capire che la band ci sa fare. L’EP lancia uno dei pezzi più belli della storia dell’emo, The Greatest Fall of All Time, e le aspettative dei fan cominciano a crescere per poi essere definitivamente soddisfatte con l’avvento di Stories and Alibis (2003).

Il disco funziona anche troppo e arriva fino alla posizione numero 26 di Billboard, la canzone Playing for Keeps nel 2012 verrà addirittura inserita nella classifica dei 100 migliori pezzi emo della storia. Il disco è un insieme di melodie drammatiche, energiche ma anche romantiche, testi che ti entrano dentro, cantati dalla meravigliosa voce di Andrew Jordan.

Tutto questo basta per far fare il salto di qualità ai Matchbook Romance che nel 2005 prendono parte, da headliner, al primo Epitaph Tour insieme a band come Motion City Soundtrack e From First to Last. Nel 2006, un anno prima del loro scioglimento, i Matchbook Romance pubblicano Voices, il loro secondo disco.

Sono particolarmente legato a Voices, ogni volta che ne parlo con qualcuno mi esce sempre la solita frase: ogni pezzo di Voices è una poesia strumentale e lirica, condito da sfumature horror/grottesche, devi ascoltarlo per capire la potenza di questo disco”. Sono tuttora convinto di queste parole, Voices è uno dei miei dischi preferiti di sempre e non può non essere anche il vostro. Inoltre Singing Bridges (We All Fall) è una poesia di Leopardi tramutata musica, con un finale che boh.

Nel dubbio, date un ascolto ai Matchbook Romance e credetemi, per un po’ non ascolterete altro! Bella!

BEST TRACKS

1. The Greatest Fall of All Time

2. Singing Bridges (We All Fall) 

3. Playing for Keeps 

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.