divenere

Recensioni al buio: “Forever” by Divenere

di Alessandro Mainini

**WARNING**
Prima di scriverci adirati, date un’occhiata a cosa sono le “recensioni al buio”!

Quando la tua band si chiama come la dea romana della bellezza, si potrebbe pensare che il nome sia uno statement sulla qualità della tua musica. I Divenere vengono proprio da Roma e hanno una carriera piuttosto lunga alle spalle che li ha portati a suonare addirittura con Caparezza e Afterhours. Forever è il loro nuovo EP, che “rappresenta un nuovo e deciso passo dalle origini indie e new wave verso situazioni e atmosfere di matrice shoegaze e dreampop.”

Ed esattamente con le voci riverberate e sognanti tipiche di dream pop e shoegaze si apre la prima canzone Floating, che a dire il vero è contraddistinta da una buona varietà strutturale che nello shoegaze solitamente tende a mancare. Lo stacco dopo un minuto mette in evidenza le linee di basso, ma il culmine della canzone arriva con l’imponente finale in cui tutti gli strumenti si amalgamano in modo imperioso, capeggiati da un convincente riff di chitarra.

I Divenere ci sorprendono subito inserendo una canzone quasi esclusivamente strumentale come seconda traccia. A introdurci nel pezzo ci pensa un riff di chitarra dolce come un cioccolatino -e non è un caso che la canzone si chiami Willy Wonka– seguito da una sezione più tirata reminiscente di certo alt-rock britannico. La struttura del brano si ripete poi come una rima baciata, dando un soddisfacente senso di armonia per la gioia di tutti gli OCD.

Seven Months of Prudence presenta strofe più rilassanti, e anche il ritornello pur con le sue distorsioni mantiene la sua aura di tranquilla misticità. La canzone fino a metà si prende meno rischi delle precedenti ma risulta comunque gradevole, poi si apre in una prolungata outro che fa anche da climax emotivo sullo stile di Floating. Prettamente shoegaze le atmosfere di When You Say Goodbye, una traccia molto cantata rispetto a quelle ascoltate finora, anche se i vocals per quanto perfetti per la canzone fanno più da completamento alla musica che da protagonisti, come da canone del genere.

La quinta traccia, Birdie, parte già con un vantaggio perché si chiama come il bellissimo album di Slaughter Beach, Dog. Il genere resta simile a quello presentatoci fin qui dalla band, ma le linee vocali osano di più e giocano con un contrasto fra alti e bassi che fa scaturire probabilmente il miglior ritornello del disco. La lunga outro che ritorna costantemente nell’EP stavolta mette in particolare risalto l’intervento della batteria, che sembra dare un piglio molto più ritmato al finale del brano.

Dopo una traccia melodica come Birdie, i Divenere si divertono a inserire una canzone che è vagamente inquietante già a partire dal titolo: Zugzwang, una parola tedesca di cui non so il significato ma che non promette nulla di buono. Wikipedia mi viene in soccorso e scopro che lo zugzwang è una situazione nel gioco degli scacchi in cui qualsiasi mossa tu faccia sei fregato. Le atmosfere quasi angoscianti della traccia, interamente strumentale, rappresentano probabilmente i pensieri che passano per la testa di uno scacchista su cui pende uno zugzwang. A chiudere l’EP troviamo la title track, un brano inizialmente più minimalista che mette in maggiore evidenza la voce, ma che poi si risolve ancora una volta in un finale intenso.

Forever è il frutto del lavoro di una band che dimostra di avere le idee ben chiare sul sound desiderato, e dopo 13 anni di ricerca artistica non potrebbe che essere altrimenti. Pur restando confinato all’interno dello stesso genere musicale, l’EP si esprime con un’apprezzabile diversità di idee e di composizione, evitando il rischio della ripetizione che si corre spesso in questi casi. Un disco da ascoltare mentre si cammina in un bosco di sempreverdi durante le prime giornate fredde dell’autunno.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...