jeff rosenstock post- review

REVIEW: “Post-” by Jeff Rosenstock

Se il primo gennaio abbiamo gridato “il 2018 sarà un anno meraviglioso” è stata colpa di Jeff Rosenstock che a sorpresa, senza preavviso, ha pubblicato il suo nuovo album Post-. Quindi se alla fine il 2018 sarà una merda sarà comunque colpa di Jeff che ci ha fatti parlare troppo presto. 

Un power pop magnetico e pieno di cinismo e dubbi esistenziali come specchio sull’essere giovani adulti ai giorni nostri. Questa è la sua formula magica che oh, funziona sempre.

Post- è il successore di WORRY l’album premonitore dello scorso anno – uscito giusto il giorno prima dell’elezione di Trump – e le sue sonorità riprendono quelle classiche del disco precedente: un pop punk pieno di synth e di riff brillanti, di quelli che ti si attaccano alle pareti del cervello; i testi invece sono ancora meno posi, più cinici e supergustosi se anche tu come noi hai perso anche l’ultimo briciolo di fiducia nell’umanità.

L’altra cosa bella di Jeff Rosenstock è che, essendo in ballo in vari progetti dal lontano 1995 (anno in cui ancora gustavo il buonissimo risotto della Signora Ersilia alla scuola materna), riesce sempre a coinvolgere un sacco di amici nei suoi dischi: Laura Stevenson, i Pup, e il bellissimo Chris Farren.

Abbiamo già detto che il disco è una bomba, quindi anche il 2018 sarà una bomba giusto? Conviene per te che sia così caro Jeff!

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...