REVIEW: “So Long” by So Long

di Michela Rognoni

Ero curiosa di sentire il primo disco dei So Long senza “astoria” nel nome; finalmente oggi, 5 ottobre, è uscito su Dreaming Gorilla, si chiama anche lui “So Long” ed è di sicuro una sorpresa.

Ci avevano già fatto sentire il singolo, Invisible, che ci era piaciuto. Sognante e malinconico al punto giusto, cosí come il resto dell’album: i suoni sono semplici e delicati, con una voce quasi sussurrata e i riff che ti cullano dolcemente fino all’estasi.

Forse un po’ troppo calmo e moderato. Forse è colpa mia che da una band che conosco a casua del backgroun pop punk mi aspettavo un emo più aggressivo, più radicato nel punk che nell’indie rock. Certo non mancano dei velati riferimenti a quell’ambiente in pezzi come So Long e Hyper Run, che finiscono per essere i miei preferiti dell’album.

Il primo lavoro dei So Long è carino e coccoloso, ti fa ricordare che l’estate è finita ma tra un anno grazie al cielo ne arriva un’altra.

7/10

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...