90’s nostalgia: Natalie Imbruglia live @ Fabrique, Milano, 06-05-2017

Di Chiara Cislaghi

natalieimbruglia2017_eventonatalieimbruglia2017_eventoNatalie Imbruglia è una di quelle cantanti che ascoltava mia sorella quando andava al liceo e io alle elementari, in pratica sono cresciuta con le sue canzoni. Quando è uscito “Torn” era il lontano 1997 e io avevo ben 8 anni ma già morivo di feels. Crescendo, mi sono avvicinata a stili musicali completamente diversi da quello della cantante australiana, ma non ho mai smesso di ascoltarla. Quando è uscito “White Lilies Island”, il suo secondo album, era il 2001 e io frequentavo le scuole medie (quando nel 2003 ha sposato Daniel Johns frequentavo le scuole medie e già la invidiavo da morire – ndchelli) e mai avrei pensato di trovarmela davanti sedici anni dopo. E invece è quello che è successo un sabato sera piovoso di maggio al Fabrique di Milano.

natAppena entrata mi sono sentita un pochino spaesata: sono tutti molto, molto più grandi di me ed è molto strano per me accettare il fatto che per una volta non sono tra i più vecchi a un concerto. Sul palco ci sono tre abat-jour e delle lucine, un’atmosfera da salotto più che da concerto. Poco dopo salgono sul palco i tre musicisti della band e intonano le prime note di “Wrong Impressions” e subito i feels di tutti si fanno sentire, ma è quando Natalie appare sul palco che il pubblico va letteralmente in visibilio (sono anni che voglio dirlo e finalmente posso farlo).

Durante il concerto acustico si alternano alcune delle pietre miliari della carriera della cantante australiana – “That day”, “Glorious”, “Counting Down the Days”, l’attesissima “Torn”, “Shiver” e “Big mistake”-, una cover di “I Will Follow You into the Dark” dei Death Cab For Cutie (e qua i miei feels erano a livelli altissimi, anche se, molto probabilmente, eravamo in due a conoscere la canzone. Brava Nat, sei una di noi!) e di una canzone dei Daft Punk, e canzoni tratte dal suo ultimo lavoro in studio “Male” del 2015.

Tra i vari “sei una figa” e “sposami” provenienti da LucaMazza dal pubblico, Natalie, coi suoi 42 anni e 20 anni di carriera sulle spalle, ci regala una performance spettacolare e senza pecche. La me stessa delle medie sarebbe davvero presa benissimo e in lacrime.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...