“fernweh” by Fernweh

Di Elisa Susini

fer
I Fernweh nascono dalle ceneri veneziane dei Saudade e, nonostante il fatto che questo EP omonimo venga definito di transizione dalla band stessa, le carte in regola ci sono tutte e con soli quattro pezzi ci mostrano bene di che pasta sono fatti.

Si sente l’hardcore scanzonato in stile Gnarwolves in “Mulligrubs (Fuck Nostalgia)”, le influenze dei primi Title Fight che si mescolano alla grande con il loro stile personale in “Stealing Beers from Food Trucks” e quello che ne viene fuori è un brano riuscitissimo;
mentre in “Things” e “Therapy (Mine Name Is Glenn!)” il sound dei Fernweh si avventura con grande conoscenza nello screamo e nell’emo-core che non era stato ancora del tutto esplorato precedentemente dai Saudade.

Questo EP è veramente ben coeso, secondo me ha la spinta giusta e quindi ve lo consiglio, perché ce n’è davvero un po’ per tutti i gusti.

Voto: 4,5/5

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...