Modern Baseball + The Super + Thin Lips @ Circolo Magnolia, Milano 29-01-17

di Denise Pedicillo

mobotourQuando aspetti per così tanti mesi il concerto di una delle tue band preferite le aspettative sono altissime. Quando però una serie di sfortunati eventi si scontrano e lo rendono uno dei peggiori concerti degli ultimi anni, un po’ ti penti di non aver dato ascolto al tuo spirito pop-punk scegliendo i Sum 41 al Mediolanum Forum. 
I Modern Baseball li avevo già visti due volte, la prima volta nel 2014, ed entrambi gli show sono stati tra le migliori esibizioni mai viste. Il loro affiatamento sul palco è qualcosa a cui tutte le band aspirano e la loro amicizia va oltre il semplice far musica. Consiglio la visione del documentario “Tripping In The Dark” per capire meglio a cosa mi riferisco. Dal documentario si può capire anche il motivo da cui deriva la decisione di Brendan Lukens di non partire con la band per questo tour europeo. Dopotutto la sua salute fisica e mentale è più importante di uno stupido tour vero? Ma da questa notizia ho subito avuto il presentimento che lo show che tanto stavo aspettando non sarebbe andato come doveva andare. Mi ero anche auto-convinta di essere nel mood ideale, quello emo dalla visione pessimista che sembra andare tanto di moda in questo periodo, e mi sarebbe tanto piaciuto che qualcuno mi avesse detto che mi stavo sbagliando e tutto sarebbe andato bene. Purtroppo non è successo.
Il set inizia subito con mille difficoltà, con la band che sembra dimenticarsi come suonare “Wedding Singer” e si ferma nel bel mezzo dell’esibizione. Vorrei dire che la canzone del gruppo-che-porta-sfiga durante il cambio palco non avesse predetto le sorti dello show ma mentirei a tutti voi. La scaletta propone praticamente tutti i brani di Holy Ghost, anche quelli di Brendan che vengono suonati e cantati con l’aiuto di membri degli opener Thin Lips e the Superweaks che salgono sul palco con il testo stampato, neanche nei peggiori karaoke di Caracas.

moboIl set viene intervallato da un mini set acustico in cui Jake Ewald rimane sul palco da solo con la sua chitarra a strimpellare “Cooke” e “Coals” tratte dal primo album, Sports, e tutto sembrava aver preso la direzione giusta, nonostante la cover di “Tournament of Hearts” dei The Weakerthans che avrei anche lasciato passare se fosse stata l’unica cover di tutto il set. E invece no, la band decide di chiudere il set con “When You Were Young” dei The Killers che, per carità, nulla da obiettare, ma due cover in un set te le puoi permettere solo se non hai abbastanza canzoni in repertorio, non di certo quando hai tre album alle spalle. La cosa diventa ancora più insensata se si tiene conto del fatto che dell’album che li ha portati alla ribalta, You’re Gonna Miss it All, hanno suonato solo la hit “Your Graduation”. Il loro set comunque passa super veloce, la band della Pennsylvania suona infatti a malapena 45 minuti, troppo poco per essere headliner.

Un’esibizione assolutamente non all’altezza di una band capace di molto di più e che probabilmente avrebbe fatto una figura migliore a rimandare il tour europeo.
Ma per fortuna, prima di questo headliner meh, ci sono state delle piacevoli scoperte;

I Thin Lips hanno dalla loro la voce potentissima della cantante, Chrissy Tashjian, che non è la solita voce superacuta tipica delle frontwoman che a una certa sembrano tutte uguali, ma più grezza e relatable. E il loro sound è dove il punk rock fa a botte con l’emo e tutti e due finiscono a pezzi.
I The Superweaks (precedentemente conosciuti come The Weaks) sono i preferiti della Chelli, quindi power-pop, synth a manetta, testi profondi ma scritti in modo super facile e cose che ricordano gli Weezer. E dal vivo sono esattamente così però più divertenti nonostante sia successo qualcosa di brutto con i suoni dato che fischiava un po’ tutto.
Insomma, una serata che andrebbe dimenticata se non fosse per gli opener e per i tanti amici presenti.

Advertisements

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...