COOKING AIMA: le ricette di Cam Smith (Hotel Books)

di Alessandro Mainini

English version available below

hotel-books

Nella lunga intervista che ci ha concesso, Cam Smith degli Hotel Books ha anche voluto insegnarci a cucinare alcune delle sue ricette a basso costo preferite. Qui sotto i suoi consigli.

Questa ricetta è per chi non ha soldi o per tutti quelli che fanno il college. Vai a fare la spesa, compri dei cipollotti che costano poco, poi un lime o un limone, o anche solo il succo di limone, e poi prendi i noodles e le uova. Sminuzzi il cipollotto, poi cuoci le uova e tagli a pezzetti anche loro, aggiungi il succo di limone e versi tutto nei noodles. Ha il sapore di un piatto preparato da un professionista, ma costa 10 centesimi. È questo il segreto.

Voi in Italia li mangiate gli hash browns?

Direi di no. Cosa sarebbero?

Allora, si prendono le patate e si tagliano in pezzetti fini, poi si fanno a forma di polpette e si friggono, un po’ come se fossero dei pancake sferici. Ma se tu all’impasto ci aggiungi un uovo, tipo due patate e un uovo, è un’ottima alternativa agli hamburger. Dovete portarlo in Italia questo piatto! Prendi le patate, ci metti un uovo e le friggi, un po’ come delle polpette. Che buone! Potresti diventare la prima persona in questo Paese a cucinarle!

A questo punto si rende conto che ha fatto quasi più tempo a parlare di cibo che di musica, e allora riflette un momento su questa cosa.

La gente vedrà la mia foto e vedrà che sono grasso, poi si va a leggere l’articolo e dirà tipo “ci credo che è grasso: parla continuamente di carboidrati!” È che non parlo mai di queste cose! Di solito mi chiedono solo cose tipo cosa significa il nome della tua band, o da dove venite, non ho mai l’occasione di parlare delle uova!

È così felice di parlare di cibo in un’intervista che gli viene voglia di aggiungere altri dettagli su come preparare gli hash browns.

I pezzi di patate fateli sottili ma senza schiacciarli troppo tipo puré, perché poi li dovete friggere, e se sono troppo schiacciati diventano liquidi. Bisogna stare attenti. Ci si può anche aggiungere un po’ di proteine volendo… le salsicce le avete qui in Italia? No, ok, le avete per forza: in America su tutte le salsicce c’è scritto che vengono dall’Italia. Ecco, metteteci anche un po’ di salsiccia!

During his lengthy interview, Cam Smith from Hotel Books also took some time to teach us how to cook his favourite cheap meals. Here’s what he told us.

This is for all the poor kids or everybody who is in college. You go to the store, you buy green onions because they’re cheap, you buy lime or lemon, or just lemon juice, and then just Top Ramen and eggs. You chop up some green onion, then some boiled eggs, chop them up, and some lime juice. You throw it into Top Ramen. It tastes like a professionally cooked meal, but it costs like 10 cents. That’s the secret.

Do you guys in Italy eat hash browns?

Nope. What’s that?

What you do is take potatoes and you shred them really thin, and then you fry them like patties, like little round potato pancakes. But if you throw an egg in there, just two potatoes and an egg, it’s a great alternative to hamburgers. You’ve got to bring it here! You take the potato, mix some egg into it and fry it on a pan, make it like hamburger patties. Oh, it’s so good! You could start it, you could be the first one in this country to do it!

He realises he’s spending more time discussing food than music, which makes him stop and think.

People are going to see the picture of me and see I’m so fat, and they’ll say “that’s why he’s fat: he only talks about carbohydrates!” I never get to talk about this! All I get to talk about is what does your band name mean or where are you from, I never get to talk about eggs!

He’s so excited to be talking about food in an interview he feels like adding a couple recommendations for the hash browns recipe.

Keep it chunky, don’t get it all creamy, because you’re going to fry it, so if it’s too creamy, it’s gonna be liquid. You’ve got to be smart about it. You can throw some more protein in there… do you have sausage here? Yeah, of course you do: every sausage in America is branded as Italian. Throw some sausage in then!

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...