Interview with Courage My Love

Courage My LoveImpegnato nel primo tour europeo, il trio canadese Courage My Love ci ha fatto visita per tre date in compagnia dei nostri amati mates OVER. In occasione dell’ultima tappa italiana, l’1 giugno al Circolo WOW di Vicenza abbiamo fatto quattro chiacchiere con Mercedes, Phoenix e Brandon, per scoprire chi è l’orco, chi la diva e chi il più piccante dei tre!

Prima di tutto, introducetevi a chi non vi conosce: chi siete e cosa fate nella band?

Phoenix: Io sono Phoenix, canto e suono la batteria.
Mercedes: Sono Mercedes, canto e suono la chitarra.
Brandon: Sono Phoenix e suono la batteria (ridono). Sono Brandon e suono il basso e qualche volta canto.

Il vostro full length “Becoming” è uscito l’anno scorso, com’è andata la promozione e com’è stato il feedback dei fan?

M: È stato figo perché fino a quel momento avevamo pubblicato solo EP e credo che l’album fosse un’estensione dell’ultimo EP pubblicato in precedenza, quindi credo fosse davvero bello avere finalmente un album realizzato. All’epoca avevamo appena firmato con InVogue Records ed era la prima cosa che avevano pubblicato per noi quindi si, è stato divertente.

State facendo il vostro primo tour europeo. Come sta andando? Com’è stata l’ospitalità italiana finora?

M: Non voglio “giocare ai preferiti” o cose simili ma credo che l’Italia possa essere il mio paese preferito finora, per il fatto che tutti sono così gentili, il cibo è così buono…
B: Hai appena fatto arrabbiare tutte le persone degli altri paesi.
M: Lo so mi dispiace! Cioè, tutto il tour a dire il vero… tutti sono stati gentili, ci hanno lasciati occupare le loro case, ci hanno cucinato pasti caldi e ci hanno lasciato fare la doccia e cose così… alla fine siamo stati davvero fortunati finora, penso che in questo tour più di tutte le altre volte abbiamo trovato davvero una buona ospitalità.
P: È difficile battere la pizza italiana però (ride).
M: Si, è l’unica… pasta e pizza, non puoi competere con loro!

Due anni fa avete suonato al Vans Warped Tour. Preferite suonare ai grandi festival o in show in locali più piccoli?

P: Uhm, io potrei essere diversa dagli altri, credo mi piaccia suonare ai festival un po’ di più, perché… non lo so, il pubblico sembra avere più energia, l’intera giornata è divertente… si credo di preferire i festival. M: Non saprei, mi piace suonare ai festival perché è tutto eccitante e cose simili, ma mi piace anche l’intimità dei locali perché puoi vedere in faccia I tuoi fan… non so, mi piacciono entrambi onestamente, non riesco a scegliere.
B: Io non scelgo il preferito quindi… I festival sono sempre dei bei momenti ma… non so, suoniamo molti local show e mi piace farlo allo stesso modo quindi è difficile. È un’esperienza diversa, dipende se sei dell’umore giusto per uno o l’altro… (Un ragazzo porta delle birre,
M: “Sto imparando l’italiano quindi… Grazie bello! Io bevo birra!”

Siete cresciuti molto dalla pubblicazione dal vostro primo EP “For Now” e so che ora siete di nuovo in studio a lavorare sul nuovo album. Cosa dovremmo aspettarci?

M: Uhm, beh… a dire il vero stasera suoneremo un paio delle nuove canzone, quindi le potrete sentire e questo sarà un piccolo assaggio su cosa aspettarvi nel nuovo album. È semplicemente il nostro vecchio material ma un passo più in là, stiamo provando a superare I limiti, non vogliamo essere solo una “band pesante”, stiamo provando a fare diversi generi per essere in grado di espanderci quindi… credo possiate aspettarvi un sacco di cose diverse, è difficile spiegarlo in una parola…
P: Principalmente credo che fino ad ora sia stata una specie di istantanea nel tempo e che il nostro nuovo album sarà “dove siamo ora” suppongo, come ci sentiamo e tutte le nostre influenze combinate tra loro.

Mercedes e Phoenix, com’è essere musiciste donne in un mondo principalmente maschile?

M: Oh beh, ci fanno spesso questa domanda… ci sono sempre alti e bassi, credo che i tempi stiano cambiando molto, il campo da gioco si sta pareggiando molto ma allo stesso tempo ci saranno sempre persone ignoranti. Anche senza saperlo a volte, potrei trovarti un’intervista dove mi è stato chiesto “Chi ha registrato le chitarre nel vostro album? Suona così pesante” e io sono tipo “Io l’ho fatto, io sono la chitarrista”. Sono le piccole cose come questa, ma allo stesso tempo sta diventando sempre più comune la presenza di musiciste donne e non solo nel tipico ruolo della cantante. Ci sono batteriste, bassiste, chitarriste… quindi si, credo che i tempi stiano cambiando e noi stiamo prendendo il controllo quindi FATE ATTENZIONE!
P: Ci sono anche un sacco di bravi ragazzi che danno agli uomini un buon nome, ci cercano e ci supportano.
M: Si, la mentalità sta cambiando.
P: Si non è che ogni ragazzo… non è un “club per uomini”, ho un sacco di amici in questo tour e principalmente sono tutti ragazzi e passo del tempo con loro esattamente come farei con le ragazze quindi è ok.

Nello show di YouTube “The unreal lives of Courage My Love”, Mercedes era una diva. Ma chi è la vera diva ne “Le vere vite dei Courage My Love”?

B: Mercedes!
M: È strano! Quello show doveva essere uno scherzo ma è diventato la nostra maledizione e ora tutto quello che succede nello show diventa realtà, è strano!
P: Lei è la cantante comunque, la cantante è sempre una diva (ridono).

Che canzone preferite suonare live?

P: Uhm, a me piace suonare “Kerosene” perché è divertente per la batteria. M: A me piace… in questo set ci sono tante cose diverse, mi piace suonare le nuove canzoni, mi piace suonare “Kerosene” e mi piace suonare “Barricades” perché è una canzone vecchia ma l’abbiamo riarrangiata per questo set.
B: A me piace suonare le canzoni nuove per lo più, ce n’è una chiamata “Drowning” che probabilmente è la mia preferita ma voi non l’avete ancora sentita quindi… haha

Molte band si sono sciolte negli ultimi anni. Quale vorreste riportare indietro?

P: Sai cos’è pazzesco? Molte delle band che si sono sciolte e per cui ero molto triste che si fossero sciolte, sono ritornate ora, quindi sono felice! Avrei detto i Sum 41 ma sono tornati, gli Underoath ma sono tornati, i Blink182 sono tornati… quindi onestamente non saprei, cioè io…
B:Sei abbastanza felice ora!
P: Si! Tutte le band che volevo sono tornate! Ah, i Good Charlotte sono tornati!
M:Uhm, io non divento davvero triste quando si sciolgono le band, io divento triste quando i musicisti muoiono. Tipo, quando è morto David Bowie, quello è stato un duro colpo per me. Amo David Bowie, mi influenza molto, se potessi riportare indietro qualcuno sarebbe David Bowie.

Se foste una pizza, quale sareste e perchè?

P: Io sarei una pizza con jalapeño piccanti perché io sono piccante!
M: E un po’ acida, ahah! Uhm, io sarei tre pizze. Con il formaggio feta, jalapeño piccanti e olive verdi… perché sono le mie guarnizioni preferite, ahah!
B: Io sarei una pizza alle cipolle perché io ho gli strati (ridono).
M: Lui è un orco, haha! (Phoenix imita Shrek)

Ultima ma non per importanza, questa è una domanda che facciamo a tutte le band che intervistiamo: cosa ne pensate delle uova?

P: LE UOVA, LE UOVA! Mi piacciono ma è un po’ strano ciò che sono, cioè… B: Se davvero ci pensi…
P: Se davvero ci pensi, cioè, se ci pensi tanto, non credo mi piacciano ancora.
M: Voglio sapere chi è stata la prima persona che ha mangiato un uovo ed era tipo “Voglio provarlo, lo farò!”. Ma allo stesso momento… uova fritte e un toast alla mattina, voglio stringere la mano a quella persona!
State facendo il vostro primo tour europeo. Come sta andando? Com’è stata l’ospitalità italiana finora?
B: Voglio dire, le uova sono fantastiche ma se ci pensi, questa cosa è assurda. Cosa viene prima, l’uovo o la gallina? È sempre un dilemma!

English Version

 

First of all, introduce yourselves: who are you and what do you do in the band?

Phoenix: Cool, I’m Phoenix and I sing and play drums.
Mercedes: I’m Mercedes and I sing and play guitar.
Brandon: I’m Phoenix and I play drums (all laugh) I’m Brandon and I play bass and sing sometimes.

Your full length “Becoming” came out last year, how did the promotion go and how was your fans’ feedback?

M: It was cool because up until then we’d only released EPs and I guess that was like an extended version of the EP we early released, so I think it was really cool to have like a full length to finally come out. And we had just got signed to InVogue Records at the time and that was the first thing they put out for us so yeah, it was really fun.

You’re on your first European tour. How is it going? How was the Italian hospitality so far?

M: Okay, I don’t want to “play favourites” or anything but I think Italy might be my favourite country on the tour so far, just because everyone is so nice, the food is so good…
B: You just pissed off everyone in the other countries.
M: I know I’m sorry! Well, I mean, the whole tour though… everyone was so nice, like letting us stay at their houses and cooking us hot meals and letting us shower at their places and stuff so… over all we’ve just been really lucky so far, I think this tour more than any other we had a really good hospitality.
P: It’s pretty hard to beat the Italian pizza though (laughs)
M: Yeah, that’s the only… pasta and pizza, you can’t compete with that!

Two years ago you played Vans Warped Tour. Do you prefer big festivals or shows in small venues?

P: Uhm, I might be different from anybody, I think I like playing festivals a bit more, just because… I don’t know, the crowd seems to have a lot of energy, the whole day usually is pretty fun… yes I think I like playing big festivals better.
M: I don’t know, like I love playing festivals ‘cause it’s all exciting and stuff, but I love the intimacy of the venues too ‘cause you can get right in the face of your fans… I don’t know, I like them both honestly, can’t really pick a favourite.
B: I don’t pick favourites so… festivals are always a great time, but it’s like… I don’t know, we play a lot of local shows and I love doing that as well so it’s really hard to… it’s a different experience, it depends on if you’re in the mood for it or…
(A guy brings a couple of beers )
M: “I’m learning Italian so… Grazie bello! Io bevo birra!”

You’ve grown up very much since your first EP “For now” came out, and I know you’re back in the studio working on your new album. What should we expect?

M: Uhm, well… we’re actually playing a couple of the new songs tonight, so you’ll get to hear those, and that should give you a taste of what to expect on the new album. You know, it’s obviously just our old stuff but a next step forward, we’re trying to break the ceiling, we don’t wanna just be a heavy band, we’re trying to do different genres and be able to expand so… you know, I guess you can expect like a lot of different things, it’s hard to really say it in one word…
P: I guess basically, like, everything up until now it’s been like a snapshot in time and so the next album is gonna be, like, where we’re at now I guess, and how we’re feeling and all our influences kinda combined.

Mercedes and Phoenix, what is it like being a female musician in a men’s world?
M: Oh well, we actually get this question a lot like it’s… you know there’s ups and downs always, I think times are changing and it’s getting a lot, you know, the playing field is getting a lot more leveled but at the same time there’s always gonna be ignorant people out there. Even without knowing sometimes, I could find an interview where they asked me “Who recorded the guitars on your album? It sounds so heavy” and I’m like “I did, I’m the guitar player”. You know it’s just little things like that, but at the same time I think it’s becoming a lot more common for there to be female musicians and not just in the typical role of singer. There’s drummers, bass players, guitar players. So yeah I think times are changing and we’re taking over so WATCH OUT!
P: There’s also a lot of good guys out there that, like, they give guys a good name, they look out for us and they’re supportive.
M: Yeah, the mentality is changing.
P: Yes it’s not like every guy like… it’s not like a boys’ club, I have a lot of friends on this tour and they’re all guys and I hang out with them just like I would hang out with the girls so, it’s fine.

In the YouTube show “The unreal lives of Courage my love”, Mercedes was a diva. But who is the real diva in “The REAL lives of Courage my love”?
B: Mercedes!
M: It’s weird! That show was like a total joke but it’s become our curse, like, everything that happens in the show starts coming true. It’s weird!
P: She is the singer though, the singer is always the diva (all laugh)

What song do you like playing live the most?

P: Uhm, I really like playing “Kerosene” ‘cause it’s pretty fun on drums.
M: I love playing… in this set we kinda do a lot of different things, I like playing the new songs live, I really like playing “Kerosene” and I like playing “Barricades” ‘cause it’s an old one but we kinda re-imagined it for the set.
B: I like playing the new songs mostly, there’s a song called “Drowning” that is probably my favourite but you haven’t heard it yet, so… Haha

A lot of bands broke up in the last years. Which one would you like to take back?

P: You know what’s crazy? A lot of the bands that have broken up I was really sad they broke up are actually back now, so I’m happy! I would have said Sum 41 but they’re back, Underoath but they’re back, Blink182 is back… so honestly I don’t really know, like I’m…
B: You’re pretty content now!
P: Yeah! All the band I wanted back, are back! Oh, Good Charlotte is back!
M: Uhm, I don’t really get sad when bands break up, I get sad when band members die… Like, when David Bowie died, that was a big hit for me. I love David Bowie, he influences me a lot so, if I could bring anyone back I think it would be David Bowie.

If you were a pizza, what would your topping be and why?

P: I’d be a spicy jalapeño ‘cause I’m spicy!
M: And a little bit sour, haha! Uhm, I would be three toppings. I would be feta cheese, I would be spicy jalapeño and I would be green olives… ‘cause these are my favourite toppings haha
B: I would be onions ‘cause I have layers (all laugh)
M: He’s an ogre haha! (Phoenix mocks Shrek)

Last but not least, here’s a question we ask to every band we interview: what do you think about eggs?

P: LE UOVA, LE UOVA! I like them but I guess it’s kinda weird what they are, like…
B: If you really think about it…
P: If you really think about it, like, if you think too much, I don’t really like them anymore.
M: I wanna know who the first person was that ate an egg and was like “I wanna try it man, I’m gonna do it!”. But at the same time fried eggs and toast in the morning… I wanna shake that man’s hand!
B: I mean, eggs are awesome but if you think about it, it’s kinda fucked up.
P: Who comes first, the chicken or the egg?
B: It’s always questionable!

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.