Anti-Flag + Low Dérive + I Like Allie @ Circolo Magnolia

Di Samir Batista
1459786503Se passa una estate e non vedi gli Anti-Flag live a Milano, è veramente una estate?
La risposta è difficile anche da considerare, anche perché viene difficile ricordare l’ultima volta in cui è mancato un loro live estivo nel Nord Italia. Così, anche questa volta, ci si dirige al Circolo Magnolia per l’esibizione della punk rock band sempre politicamente impegnata di Pittsburgh, Pennsylvania.

allieChe sia l’intimidante pioggia delle 18.00 di Milano, o il fatto che tanto sanno tutti che torneranno, questa volta – sopratutto se paragonata al live al medesimo Circolo Magnolia di fine estate 2014 – gli spettatori sono veramente pochi. E così I Like Allie prende il palco davanti ad amici e pochi altri, senza lasciarsi scoraggiare. Dopo un pezzo nuovo suonato singolarmente dal cantante Renato, la band milanese suona, seppur un po’ sparse, le 5 tracce di “The Wounds You Leave”, EP di debutto in elettrico uscito molto recentemente sotto la americana Paper+Plastick.
ldLa prestazione è buona quanto lo è quella dei successori Low Dérive, grandi amici degli I Like Allie, nonostante questo sia, per puro caso, il primo evento in cui si ritrovano a suonare nella stessa lineup. Il gruppo milanese, che è in giro da sicuramente più tempo, si esibisce in pezzi della trilogia di EP, “Aelita”, “Keto” e “Nora”, più qualcosa del vecchio full length, come “My Head’s So Screwed”. Sono in serata e si sente, ma senza il sing-along di “New Order” come chiusura sembra quasi non essere ad un concerto dei Low Dérive. Next time, maybe!
afIl pubblico si è ingrandito, ma non troppo, e gli Anti-Flag prendono posizione sul palco piccolo del Magnolia estivo, lanciati a mille con la opening track del loro album di più successo, “The Press Corpse”. Quel che dicono tra una canzone e l’altra non varia quasi mai, al limite se si parla di politica o situazioni importanti si adattano a ciò che c’è di rilevante ultimamente. Quel che sanno tutti, però, è che ci tengono davvero a ciò che dicono.
Invece, ai concerti degli Anti-Flag cambia sempre la scaletta. Tra un pezzo vecchio riesumato e l’altro, non c’è una volta che li senti fare le stesse canzoni, e sai che il divertimento è garantito. Per questo anche in questa occasione, nonostante la poca gente e la pioggia che comincia a scendere verso la fine, io me la sento di promuoverli ancora una volta. Al prossimo anno!
Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.