Interview with New Found Glory

di Michela Rognoni e Sara Cavazzini

new found gloryPoco dopo la signing session e poco prima del loro concerto al Tunnel di Milano lo scorso 6 Dicembre, abbiamo avuto l’immenso piacere di scambiare quattro chiacchiere con i pionieri del pop punk, i New Found Glory. 
Seduti su delle poltroncine molto comode, nel reparto uomo di Treesse, mentre l’ultimo disco della band, “Resurrection” era in heavy rotation ormai da più di un’ora, Chad e Ian hanno risposto ad ogni nostro dubbio, domanda e curiosità.

Domanda rompighiaccio: chiamereste mai una vostra canzone Ponyboy?

ChadPonyboy? Forse, è un bel nome! Bel film…noi abbiamo un album, sapete, che si chiama “Nothing Gold Can Stay” che è una frase di Ponyboy, quindi si, magari per un piccolo throwback. Ian, tu cosa ne pensi?

Ian:
Mi piacciono i pony!

Il vostro nuovo album, Resurrection, è appena uscito, siete contenti del feedback ricevuto?

Chad: Si, più che per il feedback, penso che il miglior modo per sapere cosa ne pensano i fan sia suonarlo dal vivo, perché la gente online può dire se gli è piaciuto o se non gli è piaciuto o qualsiasi cosa, finché non suoniamo le canzoni dal vivo e lì si riesce a capire veramente…la gente canta le nostre canzoni nuove forte come canta quelle vecchie, quindi è un buon segno, sono contento di questo.

Resurrection è l’inizio di una nuova era, come mai avete deciso di continuare in quattro senza cercare un nuovo chitarrista?

Chad: Sapete, siamo sempre stati orgogliosi di avere la line up originale, non abbiamo mai avuto cambiamenti, credo sarebbe stato molto difficile per chi è fan della band da diciassette anni, accettare un nuovo membro come parte della band quindi…

Ian: Sarebbe anche difficile per noi quattro essere d’accordo sulla persona da scegliere. Però tipo, durante la prima prova che abbiamo fatto, magari per alcune canzoni chiamavamo il nostro guitar tech a suonare quella chitarra in più ma dopo aver cominciato a provare abbiamo capito che non ci sarebbe servito, perché alla fine ci piaceva come suonavano le canzoni con solo noi quattro.

Chad: e per quanto riguarda le chitarre, le suono tutte io nell’album comunque, le ho registrate tutte io quindi suonavano più compatte e allora abbiamo deciso di tenerle così.

Il processo creativo è cambiato in qualche modo passando da cinque a quattro membri?

Chad: Non credo, siamo sempre stati una band collaborativa, ci scambiamo le idee a vicenda, sapete, le nostre canzoni sono sempre simili a delle storie riguardanti cose che ci succedono e non necessariamente alla persona che sta scrivendo la canzone: io posso scrivere una canzone su Ian, e a lui magari viene l’idea per una canzone su Jordan o…è sempre stato così, solo che ora siamo in quattro e non in cinque. Ciò che rende le cosi semplici all’interno della band è il fatto che prima il processo creativo era più conflittuale mentre adesso noi quattro siamo felici di essere nella band e questa condizione rende tutto molto più semplice.

L’ album si chiama Resurrection, parlateci un po’ del concetto che sta dietro a questo nome…

Ian: Credo che questo disco parli di ottimismo, di prendere tutto quello che ci è successo nella vita, tutte le cose negative, tutto il male e farlo diventare positivo e diventare persone migliori. Cercare il lato positivo delle cose invece che quello negativo insomma.

Ci sono state un po’ di polemiche dopo l’uscita del video di “Ready And Willing”, ma qual era in realtà il messaggio che volevate trasmettere?

Chad: si, so che un sacco di gente pensava che stavamo prendendo in giro i 5 Seconds of Summer, ma in realtà non conosciamo abbastanza i 5 Seconds of Summer per prenderci gioco di loro.
L’idea in realtà era: siccome ogni volta che ci intervistano ci dicono “ragazzi voi siete la vecchia scuola, voi siete i più anziani adesso” ma non siamo così vecchi! I Green Day e i Blink e altre band sono molto più vecchie di noi…noi siamo in giro da molto tempo ma avevamo 16,17,18 anni quando abbiamo formato la band per questo siamo in giro da 17 anni ma io ne ho solo 33 adesso quindi in confronto alla maggior parte delle altre punk band siamo più giovani. Ma siccome siamo in giro da tanto la gente pensa sempre che siamo vecchi allora abbiamo pensato: “Al diavolo, per questo prossimo video prendiamo dei ragazzini e facciamogli impersonare la band!” in pratica ci auto-sfottiamo perché non siamo dei ragazzini carini, ecco tutto, renderli una giovane pop band. Noi sappiamo solo che adesso le boyband e cose simili vanno molto di moda allora abbiamo detto “facciamo quella versione dei New Found Glory!” ed eccola qua.

Ian: per me è stato fantastico anche perché non mi sono nemmeno dovuto muovere per fare il video. Ero in Florida quando l’hanno girato quindi è stato fantastico.

Suonate insieme da quasi 20 anni ormai, avete notato un cambio generazionale tra i vostri fan?

Chad: Certo, voglio dire, io amo i nostri fan perché sono diversi, sapete, alla nostra signing c’erano moltissimi teenagers ma c’era anche questo tipo di circa 40 anni, e io so che lui ascolta la nostra musica fin dagli anni ’90 quindi… il nostro scopo è quello di essere sempre coerenti  e penso che nei nostri dischi…se sei un teenager e ascolti “Resurrection” come primo disco dei New Found Glory poi scopri anche quelli più vecchi, e se sei un vecchio fan, ci segui da “Sticks and Stones”, quindi io amo i nostri fan, è un ciclo continuo. Abbiamo molti vecchi fan e molti nuovi fan e sono tutti incredibili.

Ci sono molte band che prendono ispirazione da voi, cosa ne pensate della nuova generazione pop punk che sta spopolando ora? Vi sentite un po’ i loro papà?

Chad: siamo i loro papà?

Ian: Non so se mi sento come se fossi il loro papa, voglio dire, penso che sia come un cerchio completo, quando noi eravamo agli inizi siamo stati influenzati da alcune band e poi abbiamo sfondato, non avremmo mai pensato di trovarci dall’altro lato, pensavamo che quando sarebbe venuta fuori la nuova generazione di band, noi non ci saremmo più stati, quindi credo sia fantastico quello che sta succedendo ora, ma non direi che ci sentiamo come se fossimo i loro papa, penso solo che sia figo.

Chad: Come ha detto lui, penso sia figo, penso che noi siamo già passati in tutto questo quindi se hanno bisogno di qualche consiglio noi possiamo darglielo, se non sanno bene cosa fare noi possiamo aiutarli perché ci siamo già passati…

Avendo così tanti dischi alle spalle, come scegliete quali canzoni mettere nelle setlist?

Chad: Cerchiamo di mettere un po’ di tutti gli album, sappiamo quali sono I più popolari, tipo “Sticks and Stones” ed il selftitled sono molto apprezzati, “Catalyst” è molto apprezzato, quindi da ciascuno prendiamo tre o quattro canzoni , poi  “Coming Home” non ha avuto lo stesso successo ma alla gente piace comunque allora ne mettiamo sempre  una o due da quello…dipende, è molto difficile da dire. Il nostro nuovo album lo adoriamo quindi mettiamo sempre qualche canzone nuova…è difficile…oggi alla signing un ragazzo ci ha detto “vi prego, vi prego fate Truck Stop Blues”, noi non la dovevamo suonare stasera in teoria, ma lui era così eccitato di sentirla e sembrava piacere a molti punk rock kids, allora abbiamo deciso di suonarla. Dipende molto da dove siamo, e dalla reazione che otteniamo quando suoniamo lì. Ogni giorno è diverso…

“Ready And Willing” parla di essere pronti e decisi a sacrificare qualcosa per seguire i propri sogni, c’è qualcosa che rimpiangete di aver sacrificato nella vostra vita?

Ian:  Direi di no, perché credo che senza questa band e tutto quello che ho sacrificato e che ho fatto, mi sarei sentito completamente perso, quindi anche se ci sono cose del passato che mi piacerebbe poter modificare, come ad esempio maturare un po’ prima, penso che tutto quello che abbiamo fatto ci abbia portati ad essere ciò che siamo ora ed ora io sono molto contento della mia vita.

Che frase di una vostra canzone usereste come pick up line?

Chad: Bella domanda! Forse sempre questa canzone, “I’m ready and I’m willing to take you on”

Cosa ne pensate delle uova?  

Chad: Uova? Adoro le uova! Strapazzate, sode, mi piacciono nei cheeseburger…

Ian: Mi piacciono le omelettes. Anche a me piacciono molto le uova.

Chad: A voi piacciono le uova?

Certo!

Chad: Adoro le uova, mi piacciono in qualsiasi modo.

Ian: Mi piacciono le uova, mi piace anche quando la gente scorreggia e odora di uova…questo è quanto mi piacciono le uova!


ENGLISH VERSION

Ice breaking question: would you ever name one of your songs Ponyboy?

Chad: Ponyboy? Maybe, that’sa good name! good movie… oh we actually did “Nothing gold can stay” which is something that Ponyboy says, so yeah, maybe for a little throwback maybe, what do you think?

Ian:
I like ponies

Your new album, Resurrection, has just been released, are you happy with the feedback?

Chad: yeah, more than the feedback, I think the best way you can really tell about fans and what they think is just playing shows, you know, people can say that they love it online, or they don’t love it,  or whatever… until you play the songs live, that’s how you can tell. And all the shows we’ve played so far…kids were singing the new songs just as loud as the old ones, so that’s a good sign that people like it, so I’m happy with that.

Resurrection is the beginning of a new era, why did you chose to go on as a four-piece?

Chad: You know, we’ve always been really proud we’ve had the original line up,  we’ve never really had any member changes. I think it would be really hard for anybody who’s a fan of the band for seventeen years to accept a new member as the band, so …

Ian: it would also be equally as hard for the four of us to agree on the same person but i feel like once we started practicing… the first practice that we did, maybe for certain songs we have our guitar tech playing that extra guitar, but then, after started practicing, we realized we didn’t really need it, ‘cause we just kinda…we like the sound of just the four of us

Chad:
and as far as the guitars go to, I play all the guitars on the album anyway, like i tracked everything, so, it sounded tighter, so we just like to keep it original.

Going from a five-piece to  a four-piece, how did things in the creative process change?

Chad: I don’t think so, I think we’ve always been a band that has collaborated, that offers each others ideas and thoughts. Our songs are always just sort of stories about things that happens to us, and not even just the person who’s writing the song: so I could write a song and it could be about Ian, and Ian can come up with a song idea about Jordan or… So it has always been the same but now it’s just four of us and not five of us.
If anything that makes life in the band a little bit easier ‘cause it was definitely more confrontational writing music before and now all four of us just so happy to be in this band, and it makes it kinda simple.

The album is called Resurrection, how would you explain the concept behind it?

Ian: I think this record it’s just all about positivity , kinda taking everything that you’ve done with your life, you know, all the negative and everything bad, and make it into something positive and coming out a better person, a stronger person in the end and i think it is just kinda like looking at the positive of everything rather than the negative.

There were some controversies after the “Ready And Willing”video came out, which was the real message you wanted to convey?

Chad: Yeah, I know that a lot of people thought that we were making fun of 5 Seconds of Summer, a lot of people said that,  but we don’t know enough about 5 Seconds of Summer to make fun of them.
The idea though was, whenever we do interviews people always say to New Found Glory: “you guys are the elder statements now; you guys are the older guys now” and, we’re not that old!
I mean, Green Day and Blink and other bands are way older then us! We’ve been around for a long time but we started when we were 16,17,18 years old so this band has been around for seventeen years but I’m only 33, which is…compared to most punk bands we’re younger.
But because we’ve been around people always think like we’re old guys, so we were like: “screw it, this next video let’s hire a bunch of young guys to play us!”
It’s sort of mocking ourselves for not being the young cute boys and that’s it. That’s make ‘em a young pop band. We just know, pop music now with like boyband stuff is really popular so we were like: “let’s make that version of New Found Glory” and that’s it.

Ian: also it’s cool for me ‘cause I didn’t even have to go to the video. I was in Florida when they shot it so it was pretty awesome.

You’ve been playing together for almost 20 years, have you seen a generation change between your fans?

Chad: yeah, I mean, i love our fans because it’s different, you know a fewer year today at our signing there was a lot of teenagers here, but then there was this one guy here who was like in his 40’s, and I know this guy here he’s been listening to us since late 90’s . I feel like we’ve been…our goal is always to be very consistent and I think for our albums… if you’re a teenager and you’re hearing “Resurrection” as your first New Found Glory album then you discover the older ones, if you are older fan and you know “Sticks and Stones” and have been following us since then, so, I love our fans, it just keeps cycling: we have a lot of old fans, we have a lot of new fans, and they’re all awesome

There are a lot of band that take inspiration from you, what do you think about the new pop punk generation becoming so big now? Do you feel like you’re their daddys?

Chad: are we their daddies?

Ian: I don’t know if I feel like we’re their daddies, I mean I feel like, everything kinda comes full circle. I mean, we were first starting out and we were influenced by bands and then we came out, we’ve just never thought that we would be on the other hand of the spectrum you know, we thought about the time the new generation of bands came out, our band would’ve probably be done already so I think it’s awesome, I think it’s really cool, but I wouldn’t say we feel like we’re their daddies, I just think it’sreally cool. 

Chad: I think, yeah like he says it’s cool. At least I feel like we’ve been through it all, so if they need adivice we’re there to gave them advice. If they’re like “what do we do?” we’re like “we’ve done that so we know”.

Having so many songs in your career, how do you choose which ones to put on the setlist?

Chad: Well, we try to take a little bit of every album. We know which albums are more popular than the rest, so… like “Sticks and Stones” and the selftitled are really popular, “Catalyst” is really popular so we take like three or four of each of those and then, “Coming Home” wasn’t this popular but people like it still, so we always put like one or two from that. It just depends, it’s really hard to say. Our new album, we love our new record so we put a bunch of new songs in there…
It’s really hard, like today at the signing a kid was like “Please, please, play Truck Stop Blues” , we weren’t gonna play that tonight, but he was really really adamant about hearing it and it seems like there’s a lot of punk rock kids so we’re like: “let’s play Truck Stop Blues”.
It really just depends on where we are, what reaction we’ll get when we play there. Everyday is different, you know.

Ready And Willing is about being ready and willing to give up something to follow your dreams, is there something you regret having given up in your life?

Ian:  I would say no, because I think without this band and everything we’ve sacrified and done I think I will be completely lost so, although there’s things I would like to go back and maybe change…maybe mature a little bit of earlier than I did, I think that everything we’ve done has lead up to what we are now and I’m probably happier now of my life than I’d been in quite a while.

Which line of one of your songs would you use as a pick up line?

Chad: That’s a good question! Maybe the same song “I’m ready and I’mwilling to take you on”

What do you think about eggs?

Chad: Eggs? I love eggs! Scrambled, I like hard boiled eggs, I like eggs on cheeseburgers

Ian: I like omelettes. I like eggs a lot too.

Chad: Do you like eggs?

Yeah…

Chad: I love eggs, I love them every which way.

Ian: I like eggs, I even like when people fart and it smells like eggs…that’s how much I like eggs!

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.