9# Diluvio Autunnale

Tralasciando che ormai siamo agli sgoccioli di questo mese, come cantava il vecchio McMahon (che non c’entra niente con nessuna guerra d’indipendenza):“It started feeling like October”.
Poetico se si pensa ai maglioni pesanti di mille colori caldi, alle caldarroste, alle cioccolate calde in sostituzione al gelato, ai beanie (come si chiamano initaliano i berretti a cuffietta?).
Un po’ meno poetico se si pensa alle cimici, agli orli dei pantaloni fradici anche quando non piove e al fatto che ci si deve vestire a strati perché non si sa mai che le condizioni atmosferiche si capovolgano in mezzo secondo.
I paesi anglosassoni in questo periodo sono tutti eccitati tra zucche, cose al gusto di zucca e costumi fatti in casa. Da strega, da fantasma, da Ghostbuster, da Babbo Natale per essere simpatici.
Mentre qua da noi Halloween è solo un’altra scusa per spaccarsi ammerda e –nella fattispecie per le donne – vestirsi da zoccole. Che poi quest’anno  cade di venerdì sera quindi ci saremmo comunque spaccati ammerda/vestite da zoccole.
E’ anche iniziato X Factor e, mentre la metà di voi non lo guarda veramente perché odia la TV, i talent, la musica italiana o Fedez, l’altra metà di voi lo guarda appassionatamente ma sui social network finge di non guardarlo perché odia la TV, i talent,  la musica italiana o Fedez.
Personalmente, lo guardo appassionatamente perché amo la TV, i talent, cantare le poche canzoni che conosco ad un orario improponibile per infastidire i vicini e Fedezche piange, rivelazione dell’anno. Sono anche indecisa: scaricare o nonscaricare l’app ufficiale? Questo è il problema.
La settimana scorsa hanno eliminato Diluvio perché effettivamente non sapeva cantare, diceva cose a caso quando rappava (anche se Fedez, quasi agonizzante nel suo personale Ticino di lacrime, sostiene sia molto minimalista, molto semplice) e aveva anche un nome terribile. E anche un gusto musicale discutibile visto che ha scelto Arisa come cavallo di battaglia.
Ma la cosa divertente è che, ispirata da un’inestricabile nostalgia delle faide che si vedevano tra i fan dei Dear Jack ai tempi di Amici, sono andata sulla pagina Facebook di questo Diluvio per farmi un’idea di cosa ne pensano i rapperromani della questione “se vai in TV allora sei un venduto”, dato che il loro genere è quello che qui in Italia va per la maggiore.
E ho scoperto un mondo amici. Non so se ne uscirò viva o se morirò dal ridere, è quasi meglio di quelli che litigano per cosa è punk e cosa no su Youtube.

Chelli

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.