Record Stories: Piescah

10373984_10203771867406685_2450268541152429153_nSarà perché sono nata all’inizio degli anni ’90, ma comprare un cd, aprirlo e annusare quell’odore tipico delle cose nuove ha sempre avuto un fascino tutto suo.
Un po’ come quando, come un tossico, ti ritrovi a sniffare le pagine immacolate di un libro.
Nonostante sia tremendamente dipendente dal mio iPod, è innegabile la soddisfazione che provo quando butto uno sguardo alla libreria e vedo tutti i miei bambini uno accanto all’altro. È quello che mi serve per sentirmi ancora attaccata al passato, quando la tecnologia non era ancora così sviluppata e noi non ne eravamo così drammaticamente dipendenti.
Del resto, il fascino del vintage non muore mai.

DISCO PREFERITO

“Boys Like Girls” – Boys Like Girls

blgSe mi conoscete, la scelta non potrà che suonarvi banale. I Boys Like Girls sono il gruppo che più di tutti mi ha guidato durante l’adolescenza e per il quale ho sviluppato un fortissimo attaccamento. È stato il primo cd comprato su internet e la sensazione del sentirmi diversa perché avevo tra le mani qualcosa che pochi in Italia possedevano era impagabile. Grazie a questo album è nata anche una bellissima amicizia e, nel bene o nel male, canzoni come “Hero/Heroine”, “The Great Escape” e “On Top Of The World” susciteranno sempre in me dei dolci ricordi.

PRIMO ACQUISTO

“Backstreet’s Back” – Backstreet Boys
bsbCorreva l’anno 1997, non pretenderete davvero che mi ricordi qualcosa di questo cd? In fondo avevo solo 6 anni!
Non avevo ancora dei veri e propri gusti musicali, fatta eccezione per le sigle dei cartoni animati. In effetti avrei potuto pubblicare una foto del fantastico “Fivelandia 16”, ma quello risale solo al 1998, non mi sembrava giusto barare.

 

ULTIMO ACQUISTO

“Logico” – Cesare Cremonini
cesParlando di musica italiana, Cesare Cremonini è in assoluto il mio artista preferito. Ho tutti i suoi album e li colleziono come un piccolo tesoro. È come se raccontassero la storia della mia vita da 15 anni a questa parte e, se ci pensate, è un arco di tempo davvero lungo.
Come ogni volta, aspettavo con ansia l’uscita di questo nuovo lavoro, sempre con quella punta di preoccupazione che precede il momento del primo ascolto. Quanto è difficile accettare che il nostro artista del cuore possa fallire? Spero di non doverlo mai scoprire.

 

DISCO CHE TI SEI STANCATA DI ASCOLTARE

“Mylo Xyloto” – Coldplay

cpAffascinata dal successo di “Every Teardrop Is A Waterfall”, avevo comprato questo album con tante aspettative e un buon entusiasmo.
È innegabile, però, che tutti questi suoni elettronici alla lunga possano stancare. I vecchi Coldplay non torneranno più e la rottura tra Gwyneth e Chris non è che una dolorosa conferma.

 

ARTWORK PIÙ BELLO

“…squérez” – Lùnapop

sqLa mia fissazione per i Lùnapop, devo ammetterlo, la devo tutta a mia madre. Quella rana mi ha sempre fatto simpatia e, se pensate che l’amore per questo album mi ha portata al primo concerto della mia vita, capirete che non potevo proprio non inserire “…squérez” nelle mie Record Stories.

 

DISCO CON LA STORIA PiÙ MATTA

“High Five” – The Anthem

antNon credevo avrei mai trovato un cd con una storia matta da raccontare, ma quando mi son ritrovata davanti “High Five” ho dovuto ripensarci.
Ho sempre saputo di non essere una persona del tutto normale, ma la storia di questo album e di come sono arrivata al Punk Is Dead quella sera del 5 gennaio dell’anno scorso rimarrà per sempre indelebile nella mia mente. Fra scleri, risate e più di 30 km in taxi all’1 di notte, non credo di aver mai fatto così tanto casino (e speso così tanti soldi) per andare ad un concerto “dietro casa”.

 

QUELLO CHE VORREI PER IL MIO COMPLEANNO

“A Lesson In Romantics” – Mayday Parade

mpAdoro I Mayday Parade. Davvero tanto. La quantità di feels che verso ogni volta che li ascolto è insostenibile. La cosa triste, però, è che possiedo solo il loro ultimo cd, ed è una cosa alla quale devo assolutamente rimediare. Se non sapete cosa regalarmi il prossimo 20 novembre, prendete spunto ed aiutatemi ad ampliare la mia collezione.

 

QUELLO DA ASCOLTARE MENTRE MANGIO LE UOVA

“Hold On Tight” – Hey Monday

heyDal momento che questo cd l’ho comprato in America e che lì mangiano un sacco le uova a colazione, direi che “Hold On Tight” è proprio il disco perfetto!È come una dimostrazione matematica, non fa una piega.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.