“Revolushhhh” by Low Standards, High Fives

Di Chiara Cislaghi

revolushhhHo conosciuto i Low Standards, High Fives nell’estate 2013 perché aprivamo per Garrett Klahn (cantante dei Texas Is The Reason) a Torino ed è stato amore a prima nota (anche perché avevano chiuso il loro set con “Ten Minutes” dei The Get Up Kids, gli piace vincere facile). Ma bando alle ciance. Questa band torinese ha appena pubblicato il suo primo EP, composto da 4 tracce, dal titolo “Revolushhhh”.

“Revolushhhh” si apre con “Crazy Boy”, che già dalle prime note ci fa capire cosa stiamo acoltando: un qualcosa che ricorda Texas Is The Reason, Mineral, ecc. Il pezzo è un alternarsi di parti lente che sfociano in un fiume di note piene di energia. “Ghost Town” è caratterizzata da un ritmo trascinato, con una batteria che la fa da padrona. In “Where We Are” quello che caratterizza la canzone è la linea di basso, che dà quel ritmo un po’ cupo tipico del genere. A chiudere questo EP è “Flying High, Looking Down”, una canzone dai toni malinconici, una chiusura perfetta per questo 4 traccNon ci sono pecche in questo EP, ottima musica accompagnata da ottimi testi, un grade primo EP.

Voto: 5/5

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.