“Drop The Pizza” – Less Than Jake + The Aquabats + 4th ‘N Goal @ Honky Tonky, 25/04/2013

Di Michela Rognoni,  Chiara Cislaghi, Denise Pedicillo

dudes liveSiccome le nostre città sono noiose e non vogliamo che le nostre vite lo siano altrettanto, decidiamo di andare all’Honky Tonky di Seregno a vedere i Less Than Jake con gli Aquabats ed i nostri dudes 4th ‘N Goal…un’altra volta.

Ad aprire le danze sono i 4th ‘N Goal, dei quali ormai non sappiamo più cosa dire visto che è la trecentesima volta che li vediamo in meno di due settimane, quindi cosa volete sapere ancora? Nonostante ci siamo perse le prime tre canzoni (ovvero “Nothing But Net”, la nuova “C.B. Like Moses” e “Maybe…but not sure”) per cause di forza maggiore, siamo arrivate davanti al palco sulle note di “Hold fast, stay true” che, tra salti a mezz’aria incredibilmente coordinati, ci porta poi alla nuova “Bet Everything”, seguita dalle vecchie glorie “Bling of truth” (sempre con l’intro burlona in versione reggae…che non è uno dei nostri soliti latinismi) e “There’s no passion in the end”. Il tutto termina con il nuovo singolo “Music Is Over”.

aquabats liveCredo sia la prima volta che vedo una band salire su un palco dopo aver mostrato un filmato, quindi gli Aquabats rimarranno per sempre impressi. Ovviamente non ha nulla a che fare con il fatto che suonino con una tutina azzurra, della maschere e dei baffi disegnati con un pennarello. Assolutamente no! A quanto pare tutte o una buona parte delle loro canzoni finiscono con un punto esclamativo, ma visto che sono ignorante so solo che hanno suonato “Pizza Day” e non ne sono nemmeno sicura. La band comunque è una ventata di simpatia e melodie gaie (nel senso di felici, cosa pensavate mattacchioni) che riescono ad intrattenere il pubblico.

less than jake liveMolto tardi, tipo quando io di solito dormo, salgono sul palco gli headliner della serata, con più di 20 anni attività alle spalle, signori e signore, ecco a voi i Less Than Jake, che aprono con Automatic e proseguono senza un attimo di respiro con “Ghost of You and Me” – ve lo dico perché è la mia preferita di sempre, quanto sono banale -. Nella scaletta trovano molto spazio i vecchi brani, quelli probabilmente più apprezzati dai fans, contenuti nella pietra miliare “Hello Rockview” come Scott Farcas Takes It On The Chin, All My Best Friends Are Metalheads e l’attesissima History of a Boring Town, e nel precedente “Losing Streak” come Sugar in Your Gas Tank e Jen Doesn’t Like Me Anymore.
Mentre dal loro ultimo disco, “Greetings And Salutations” scelgono di suonare solo The New Auld Lang Syne, sempre per lasciare più spazio alle all time favourites come Look What Happened e Gainsville Rock City ed alle animatissime sigle degli Animaniacs e di Spongebob Squarepants.
Tanta allegria ed energia sul palco che hanno saputo conquistare il pubblico brianzolo dall’inizio fino alla straordinaria chiusura affidata a Plastic Cup Politics.

Queste serate nelle Brianzae sono sempre una festa!

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.