La Lista Dei Buoni

lista

Vediamo un po’ chi è stato buono…

La maionese è stata buona e sarà sempre buona, ne sanno qualcosa i 4TH’N Goal, anche se Mocho non ci ha ancora fatto la torta che ci aveva promesso.

Ovviamente tra i buoni ci va anche il bacon, che non solo è buono, ma è più buono.

Il caco mela, che in inglese si chiama sharon fruit, invece, non è buono, però Santa è buono, infatti si chiama Santa come Santa Klaus, non sappiamo dove vogliamo arrivare, però Sorry! We Are Silly.  Anche Pablo è tanto buono, anche se le sue previsioni meteo erano sbagliate, aspettiamo comunque la neve ad aprile. Anche il nuovo silly è buono, quasi come le uova. Anche i vecchi sillies sono buoni, nonostante non sono più dei sillies. E basta. Ah no, c’è anche quello che suona la batteria, solo che Santa Klaus non può mettergli i calzini nel calzino, quindi niente regalo.

Nella lista dei buoni, un posto speciale se lo meritano sicuramente i Cancer e Ed, e anche un po’ Mike Herrera (anche se la Chiara non lo saluta mai). Perché sono dei bravi ragazzi. Alcohol e weeda.

Brian Sella, riceverà del vino perché non gli piace, salute! E Mat Uychich, invece, riceverà un cognome nuovo. E questi erano i Front Bottoms, comunque la birra è finita e c’è solo la coca cola del discount. New Jersey (Shore).

Scotty, che doesn’t know.

Rab, perché, poverino, deve subirsi la Ginger Diva in giro per il mondo 24/7 e sappiamo che è difficile, we can feel ya bro!

Passando alle cose serie, dovremo ringraziare gli Zebrahead che ci hanno fatto salire sul tourbus salvando i nostri asses dal freezing cold una notte di fine novembre.

Gli On My Honor hanno un posto speciale nel nostro cuore perché ci hanno detto che verso fa il coccodrillo.

Ringraziamo Tony Lovato per il plettro verde con il buco per la sigaretta, anche se è lui che dovrebbe ringraziare noi per le mutande blue melange. E non andiamo oltre.

I Deaf Havana perché ci hanno insegnato ad essere wasted in qualunque circostanza, nicotine and alcohol saved our lives.

I The Dangerous Summer: Cody, perchè se non lo mettiamo nei buoni poi viene a fare rissabrutta anche con noi, anche se al nostro ultimo incontro non era rissabruttoso, probabilmente non era lui ma un maya; Aj perchè anche se era megamalato e durante il concerto non riusciva a cantare e beveva camomilla, poi si è lasciato intervistare sulle freddissime scale dell’02 Academy, poi la Carla, sua moglie, è bella.

I Mayday Parade perché ci hanno fatto fare il picco di views.

I The Maine perché hanno fatto entrare gratis la Chiara senza un motivo ben preciso.

I Natives, perché ci hanno assicurato la guest list ad un concerto sold out all’estero.

Il culo di Brian Dales, perchè è bello, e il bello si deve apprezzare, quindi si.

Kris Roe, perché è sempre nei nostri cuori ed è ciccione e pelatino. E poi perché ha scritto una canzone per ogni situazione, anche per quando la tua ragazza ti molla per Billy Idol. E poi perchè ha un tatuaggio dell’Arizona e senza di lui non esisterebbe la teoria degli Ataris.

Gabe Saporta, sempre sia lodato. Amen.

Andrew McMahon perchè esiste.

Mikey Rainsford che è il nostro bff di Birmingham, anche se lui non lo sa, e lo supporterEMO sempre anche se fa i gruppi megametal o le cover dei Coldplay. Coheed And Cambria.

Regalo extra per Max Such e la sua pinky promise.

William Beckett perchè i filf esistono e lui ne è il miglior esempio.

I Cute Is What We Aim For perchè sono tornati e ci hanno fatto felici.

Parlando seriamente, questa volta quasi davvero, infiliamo nella nostra lista dei buoni Luca Mazza e Ghost Agency, che sono la principale ragione che ci ha portato a più di 40 concerti quest’anno.

Mark Orr e la Lab Records, perché ci shippano di base dall’inizio dei tempi.

Rude Records, Hearshot Media (soprattutto Mike Cubillos), I Am Mighty, This Is Core e tutte le altre cose simpatiche che non ci stiamo ricordando ma che ci danno del lavoro da fare.

I nostri amiciccicicci che collaborano con noi saltuariamente quando hanno sbatty: Deniza Drenica perché fa views; Rick Alex Gaskarth Viglioni perché era il nostro inviato speciale quest’estate a Chicago (William Beckett); la Taty perché la shippiamo di base e perché dice di essere del Molise anche se lei stessa ammette che non esiste; Cuzzo perché ci fa le playlist; Jeemmee perché ci fa le recensioni mattissime delle cosae megametal666; il tipétto che ci ha fatto le tre recensioni dei Green Day, grazie ci hai salvato la vita, Gabe; Michele, perché ci ha fatto una recensione una volta e perché ogni tanto vomita nelle nostre vetture; l’Italian Family perché è da dove tutto ha avuto inizio; il Gigetto, prau; ed infine, il Cris Bar di Baggio per tutti i caffè e le pisciate gratis (ma si può dire pisciate in televisione?).

E per finire, tutte le band emergenti italiane che ci stanno più simpatiche: Backyard Enemies; Electric Diorama; Inyan; Last Day Before Holiday; Muruhuay; Now.Here; Skylong; The Anthem; Vanilla Sky. Se volete che l’anno prossimo il nome della vostra band sia qui, iniziate a regalarci cose come cd, biscottini, unicorni o biglietti per i concerti.

Kyle.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.