“I’ll be dreaming my dreams with you” – The Cranberries live @ Mediolanum Forum, Assago (Mi) – 29/10/2012

Di Chiara Cislaghi

Disclaimer: non ci sono foto per ben due motivi: le luci non erano simpatiche, io stavo piangendo. Tanto.

Quando tua sorella maggiore ti fa crescere con certe canzoni, poi è abbastanza difficile non avere reazioni spropositate quando vedi le band autrici di quelle canzoni su di un palco davanti a te. Se poi La Voce che le canta è quella di Dolores O’ Riordan, la cosa diventa ancora più difficile.
Quando si spengono le luci e partono le prime note di “Just my imagination” la cosa inizia a farsi difficile, quando poi appare Dolores, bionda e con un vestito completamente borchiato, il break down è inevitabile.
Il forum intero canta con i 4 di Limerick sia le canzoni contenute nel nuovo album, sia le canzoni di sempre: “Cold when you are gone”, “Losing my mind”, “Linger” (altre lacrime), “Free to decide”, “Ordinary day”, “Dreaming my dreams”, “Tomorrow”, “Still can’t recognize”, “Desperate”, “I can’t be with you” (sempre più lacrime, anche per altri motivi). A questo punto Dolores lascia il palco al resto dei Cranberries, i quali ci regalano un quarto d’ora di strumentale a dir poco stupendo. E’ sulle note di “Conduct” che la O’ Riordan ricompare sul palco con un vestito brillantinoso e rosa. Perché sottolineo tutto ciò? Perché fa parte della presenza scenica che sia lei che il resto della band hanno, da evidenziare anche come mi abbia fatto sorridere e commuovere (ancora) il fatto che dopo tanti anni insieme e tanti concerti, i 4 si guardino ancora sorridendo mentre suonano. L’ho visto fare a poche persone, credetemi. Si prosegue con “Fire & soul”, “Not sorry” (senza il !, ok non faceva ridere, anche perché non l’avete capita), “Show me the way”, “Ridiculous thoughts”. Alle prime note di “Salvation” il forum esplode e tutti iniziano a saltare, così come su “Zombie”, nonostante la frase “it’s the same old theme since 1916” mi faccia sgorgare nuovamente le lacrime. A questo punto la band lascia il palco, ma ovviamente noi tutti ben sappiamo che non è certamente finito il concerto. Infatti, dopo circa 10 minuti, riappaiono ¾ dei Cranberries che iniziano a suoanre “No need to argue”, e da lì a pochi secondi riappare Dolores in un vestito da sera rosso, cosa che non ci si sarebbe mai aspettati da lei. Il tutto finisce con “Promises” e “Dreams”. Saluti alla folla e arrivederci, si spera il più presto possibile.

(A dire la verità, io ho lasciato il forum sulle note di “Sabotage” dei Beastie Boys, ma questa è un’altra storia.)

In conclusione vorrei dire che non è che sia diventata improvvisamente estremamente sensibile, è solo che anche io ho un cuore (a volte) e diciamo che la voce di Dolores e le note suonate dai Cranberries mi fanno venire la pelle d’oca e mi fanno scendere le lacrime, e anche tante. Scusate il tono melenso ma non ci posso fare niente, vi prometto che non succederà mai più.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.