“On Tuesday night, people, in America, watch tv at home” – Mxpx All-Stars + Cancer live @ Flog, Firenze 04/03/2012

By Elisa Susini (translated by Chiara Cislaghi)

Attenzione: sotto c’è anche la recensione in italiano.

It’s april 3rd and it’s Tuesday and after ages and ages of absence, I come back in the Florence scene for a big concert: Mxpx All Stars.
And it has been a great, great day.
We arrive at the Flog around 5 pm, and we don’t even have to pay the parking because “the journalist has come!”. So the Flog’s staff starts worrying because the band is not there yet (they were going around Florence), so they call them saying “Hurry up and get a cab, the journalist’s here!”. In the meanwhile, I was way too flattered. Anyway, after one hour circa, Mike, the driver and Cancer arrive at the venue, and Joel starts screaming to me that he couldn’t answer my emails because his iPod wasn’t working properly. Then, Mike comes to me telling me that he is ready for the interview, so we sit down at a table and we start the interview. During the interview, we also do some interesting considerations about the post hardcore scene and the how the Warped Tour nowadays is: I ask Mike what does he think about all these post hardcore bands at Warped Tour and how does he think the punk rock scene has changed. He tells me that the scene is very different from how it was in the 90s because people mentality has changed too. But the pop punk scene is still alive and strong and a perfect example is their last album, which is very similar to their previous cds. He also tells me that, as for him, there are a lot of really good pop punk bands, but he doesn’t understand why they say they play a different genre. After 15 minutes of interview, the soundcheck starts and Mike plays “First day of the rest of our lives” and an acoustic song by Tumbledown. He also does those exercises to warm up the voice. After this and that, it’s already 8 pm, so we go out to look for a place to eat at; we get back at 9 pm circa and we find a group of approximately 50 people. But this number is destined to increase when the concert starts. X-Zone is the band that opens up the evening, and the only thing that marks their performance is how the guitarist is playing the guitar: he is so quick that we cannot even see his hand. They also play a pretty nice cover of “Janie Jones”. Then, Cancer (who will also play with Mike) takes over the stage. They are the revelation of the evening cause none of us was expecting such a good punk rock from Switzerland. At a certain point, they decide to divide the crowd in “Team Joel” and “Team Sven”, but we decide to remain neutral like Switzerland and so they call us “ugly kids”. Around 11 pm, when THE concert starts, Mike takes over the stage wearing Nike training shoes that are “so unpunk” and he starts singing and playing. The show opens up with “Tomorrows’ another day”, and then we got “Secret weapon”, “Party my house be there”, “Cold streets”, “I’m ok you’re ok”, “Middlename”, “Doing time”, “Never better than now” (acoustic), “Heard that sound”, two acoustic Tumbledown’s songs : “Let’s drink” and maybe “Empty bottles”, “Teenage politics”, “First day of the rest of your life”, “Move to Bremerton”, “Young and depressed”, “Late again” (acoustic), “Far away” and “Aces up” from the last album.
The concert is structured in 3 parts: after the first few songs, Mike takes the acoustic guitar and asks the crowd what they want him to play, and the hero of this part is Gianmarco who keeps on asking him songs, but Mike keeps saying no to requests like “Cristalena” (last time he played it was a long ago), “Andrea” (she’s his ex girlfriend so he doesn’t want to sing that song), but someone asks “Doin’ time” and I asked “Heard that sound”, but he says he’ll play it later with the band. It was awesome hearing live songs like “Young and depressed” and my all time favorite “First day of the rest of your life” (twice, during the performance and during the soundcheck). During the acoustic performance, Mike plays two songs by Tumbledown, his punk folk project. After the acoustic part, Cancer comes back on stage and the pogo and the stage diving start again. When “Heard that sound” starts, I jump on stage with another guy to sing it and Mike tells us “”Usually, when people come up on stage…their breaths stink, but you are so smelly.” The show end with “Chick magnet” and “Wrecking hotel rooms”. During the interview, I asked Mike which one is his favorite song but he told me that it changes everytime. He used to say “Tomorrow’s another day”, but not today, because I talked to him about “Wrecking hotel rooms” all the afternoon, so, today, this was his favorite song. Another, as Ric says, “heart-breaking” moment is during “Buildings tumble”. Then he plays “My life story” and he leaves the stage for the encore, during which he plays “Responsibility” and “Punk rawk show” (and when this song starts, it’s like the end of the world, everybody goes on stage to sing it). The evening has been obviously awesome because what you feel at punk rock concert is definitely unique, you don’t feel like this anywhere else. Awesome people, amazing concert, thanks Mike, thanks Cancer.

VERSIONE ITALIANA
Di Elisa Susini

E’ martedì 3 aprile e, dopo diversi secoli di assenza, torno sulla scena per un grande concerto: MxPx All-Stars a Firenze.
E sarebbe stata una grande giornata.
Arriviamo al Flog verso le 5 del pomeriggio, non ci fanno pagare il parcheggio perchè “E’ arrivata la giornalista”. La gente dello staff del Flog inizia a movimentarsi perchè Mike e soci sono ancora in giro per Firenze, quando invece avrebbero dovuto essere qui con noi, allora li chiamano al telefono dicendogli di sbrigarsi e prendere un taxi perchè è arrivata la giornalista. In mezzo a tutto ciò, io mi sono sentita molto lusingata.
Fatto sta che un’oretta dopo Mike, l’autista, e i Cancer arrivano al Flog e, da lontano, Joel mi chiama dicendomi che non aveva potuto rispondermi alle email perchè non gli funzionava l’iPod. La faccia della France lì accanto a me ha riassunto ben bene cosa ho pensato in quel momento, visto che mi ha fatto dannare per un mese e ora invece faceva l’amico. Poi mi saluta anche Mike dicendomi che era pronto per l’intervista.
E allora ci sediamo ad un tavolino e diamo il via all’intervista. Un aspetto rilevante, ma che non sarà incluso nell’intervista, è sicuramente una considerazione sulla scena punk rock attuale e sul Warped Tour ai giorni nostri: infatti, chiedo a Mike che cosa ne pensa del fatto che ci siano in giro tutte queste band post hardcore che spadroneggiano al Warped e lui mi dice che la scena è cambiata molto dagli anni 90, in quanto anche la mentalità della gente è cambiata, ma comunque la scena pop punk è ancora molto forte e presente ed un esempio perfetto è il loro ultimo album che è comunque in linea con quello che han sempre fatto. Mi ha inoltre detto che secondo lui ci sono molti gruppi che fanno del buon pop punk ma che definiscono il loro genere in modo diverso, ma non sa il perché.
Dopo circa 15 minuti di intervista, iniziano le prove del soundcheck e Mike suona “First day of the rest of our lives” e una canzone in acustico dei Tumbledown, poi si schiarisce la voce con i tipici esercizi.
Fra una cosa e l’altra sono le 8, usciamo dal Flog per cercare un posto dove cenare e torniamo verso le 9, e troviamo già un gruppetto di persone, una cinquantina, che sarebbero aumentate con l’inizio del concerto di Mike.
Ad aprire il tutto è un gruppo marchigiano, gli X-Zone, la cui unica caratteristica da notare è che il chitarrista  suonava velocissimo e non riuscivamo nemmeno a vedergli la mano. Hanno fatto una cover carina di “Janie Jones”, ma anche basta.
Arriva così il turno dei Cancer, che avrebbero poi accompagnato Mike. E i Cancer sono anche stati la rivelazione della serata perchè nessuno di noi si sarebbe mai aspettato del buon punk rock “made in Switzerland”. Suonavano veloci, la France li fangirlava, io guardavo come suonavano, Gianmarco da Roma faceva richieste di pezzi, ma nessuno lo considerava.
Hanno fatto dividere il pubblico in due team: “Team Joel” e “Team Sven”. Noi siamo rimasti in mezzo a fare i neutrali, come la Svizzera, e ci hanno dato degli “ugly kids”.
Saranno le 11 circa quando inizia IL concerto che tutti aspettavamo, Mike sale sul palco con delle scarpe della Nike “so unpunk” e comincia a cantare, ed è uno spettacolo.
Si inizia con “Tomorrow is another day”, e si prosegue poi con “Secret weapon”, “Party my house be there”, “Cold streets”, “I’m ok you’re ok”, “Middlename”, “Doing time”, “Never better than now” (acoustica), “Heard that sound”, due pezzi dei Tumbledown in acustico: “Let’s drink” e forse “Empty bottles”, “Teenage politics”, “First day of the rest of your life”, “Move to Bremerton” (e ci ha invitati tutti a “Bremeton”, come la pronuncia lui), “Young and depressed”, “Late again” (acoustica), poi “Far away” e “Aces up” dell ultimo cd, più un altra che non ricordo.
Il concerto era stato diviso in 3 parti, dopo le prime canzoni, Mike prende la chitarra acustica ed apre il jukebox chiedendoci che canzoni volessimo ascoltare. L’eroe del pubblico è stato Gianmarco, che gli chiedeva le canzoni e Mike gli diceva sempre di no perchè “Cristalena” non la suona da tanto, “Andrea” era una sua ex e non aveva voglia di cantarla. La situazione prosegue così fino a quando qualcuno non gli ha chiesto “Doin’ Time” (ed io gli ho chiesto “Heard that sound”, che avrebbe però suonato dopo non in acustico). E’ stato bello sentire dal vivo canzoni come “Young and depressed”, e la mia preferita in assoluto, “First day of the rest of your life”(per ben due volte, al soundcheck ed al concerto).
Durante la parte acustica Mike suona anche due canzoni dei Tumbledown, il suo progetto punk folk, poi tornano sul palco i Cancer, e si continua con pogo e stage diving. Quando parte “Heard that sound”, salto sul palco a cantarla insieme ad un altro ragazzo e Mike ci ha fatto i complimenti perchè “Usually, when people come up on stage…their breaths stink, but you are so smelly.”
Sul finale suona “Chick magnet” e “Wrecking hotel rooms”(che ho fatto diventare la sua canzone preferita perchè ne abbiamo parlato per mezzo pomeriggio).
Nell’intervista dice che al momento non ha una canzone preferita perchè cambia a seconda del tempo, prima diceva sempre “Tomorrow’s another day”. E sul palco dice, invece, che oggi di sicuro è “Wrecing hotel rooms”, quindi abbiamo detto che sono stata io a fargliela diventare la sua canzone preferita del giorno. Ed è così. Altro bel momento “spacca cuore”, come dice Ric, è stato durante “Buildings tumble”; si passa poi a “My Life Story”, e Mike esce dal palco per il finto saluto e torna con “Responsibility” e “Punk Rawk Show”, durante la quale ci sarà la fine del mondo: siamo saliti tutti sul palco a cantarla, ed è stato bellissimo perché, è inutile negarlo, l’atmosfera che si vive ai concerti punk rock è unica, da nessun altra parte ci si sente così bene e felici. Persone fantastiche, divertimento, tutti lì a cantare le canzoni della nostra adolescenza, grazie mille a tutti, a chi era lì con me, ai Cancer e a Mike.

3 pensieri riguardo ““On Tuesday night, people, in America, watch tv at home” – Mxpx All-Stars + Cancer live @ Flog, Firenze 04/03/2012”

  1. Complimenti, bellissima recensione! E bellissimo sito/blog/nonsobenecome definirlo!! E’ la prima volta che capito qui, ma a una rapida occhiata mi pare di notare che avete recensito praticamente tutti i concerti a cui sono andato negli ultimi due anni! Da ora in poi vi seguirò costantemente! Ahah! X)
    Però quanto rosico a leggere la scaletta di Firenze… Sono andato allo show di Segrate, ma ero in ritardo di mio e in più c’ho messo un’ora a trovare quel maledetto Magnolia. :3 Sono arrivato giusto in tempo per ascoltare Cold Streets, Heard That Sound, My Life Story, Responsibility e Punk Rawk Show, salutare Mike e tornarmene a casa. :S
    Visto che sono molto curioso e un po’ masochista, sapete dirmi più o meno la scaletta di Segrate x capire cosa mi sono perso? Anche lì han fatto le varie Tomorrow’s Another Day, Secret Weapon, Young And Depressed, Wrecking Hotel Rooms, Middlename, Buildings Tumble, Doing Time, First Day Of The Rest Of Our Lives, ecc ecc ecc? 😦

    "Mi piace"

      1. Ah eravate anche a Segrate!?!? Mio dio, siete dappertutto! Ben radicati nel territorio!! 😀 Non vedo l’ora di leggere anche quella recensione allora!! Grazie!!!

        "Mi piace"

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.