Interview with Mike Herrera from Mxpx @ Flog, Firenze 04/03/2012

By Elisa Susini (translated by Michela Rognoni)

Attenzione: c’è la traduzione italiana sotto.

Elisa: Hey Mike – thank you for being here – It’s your very first time in Florence

Mike: It is, yes, we just went to the city centre and walk around, taking pictures, it’s great!

Elisa: It’s also a big day because today Plans Within Plans comes out

Mike: That’s right, it is the 3rd (April 3rd) and Plans Within Plans is the new album from MxPx

Elisa: But, before talking about the new album, there’s a question that everybody want me to ask you and it’s about Yuri and Tom. Of course they’re not here, they worked on the album but they’re not touring. Are they still in the band, right?

Mike: It’s a weird situation that doesn’t come up very often with music but it does come up more than you think. But I think it’s just a weird situation with them still being in the band but not touring, that’s strange. But the bottom line is Tom and Yuri have full time jobs that they enjoy and it’s very recent. Touring is hard to make money and that needed more money. So I’m just doing music and touring on my own with these guys.
.
Elisa: So is there a chance for us to see you guys touring together again?

Mike: I think so, yeah eventually once they settle into the job because they’re new, they can’t just like take too much time off. Once they become more comfortable into their job, maybe they can come and tour.

Elisa: What about this “all stars” idea? You’re playing with members from other bands…

Mike: The “all stars” idea is kinda a rotated line up in Europe, it’s the band Cancer for this tour, great musician, good guys, friends of mine. they first open up and play and then we do MxPx as well. It’s worked out great. In the States I had few other guys that played..

Elisa: Yeah, like Kris Roe…

Mike: Oh Kris Roe, yeah.. we’ve done Japan, Indonesia, Australia. But it always changing, it’s not always Kris Roe or Chris Wilson, it’s also some guys of my other band Tumbledown. But here in Italy it’s Cancer and they’re great.

Elisa: What about the new album? It’s been 5 years since Secret Weapon has come out, what should we expect from this new album?

Mike: Good question, it’s hopefully exactly what people wanna hear from MxPx, it’s more serious than our older stuffs, but it has got the same kind of attitude and energy that our older stuff has, it’s pretty fast and very melodic.

Elisa: Very MxPx

Mike: Yes, very MxPx

Elisa: I like the title, Plans Within Plans, it seems like you’re busy because you have all of these plans together, how did you come up with this idea?

Mike: yeah, that’s it. I’ve just been doing so many different things, my other band Tumbledown, doing my solo tour, MxPx. It just made sense to call it Plans Within Plans.

Elisa: The next question is in fact about Tumbledown

Mike: Tumbledown is my other band that I do when I’m not doing MxPx. It’s like a folk punk country band, it’s very different from MxPx, but it’s me singing so it’s like a little bit like MxPx.

Elisa: If you had to make a list about the pros and cons of being in MxPx after 20 years and running, what would they be?

Mike: Yeaah, it’s 20 years coming up. It feels like time has just flown by. Pros: I’ve got to see amazing cities, like Florence and all over the world, getting to meeting people, having people singing your songs on stage it’s pretty great. The cons are the living conditions, not getting to take showers regularly, sleeping on floors, in weird places, the travel. And being away from family, friends, my wife and my dogs that I consider my children. This is probably the longest tour that I’ve done in the last 3, 4 years. It’s a month long. I almost always do just 3 weeks tours and they said: “if you do 3 weeks you just can’t come to Italy” so I said “ok, let’s do a month, so it can be Italy” so.. I’m sacrificing my comfort for Italy, yes.

Elisa: Talking about Italy, do you have any good memories about your previous times here?

Mike: The shows have been awesome in Italy, the people have been great.. We went to Venice with Bad Religion, that was amazing, beautiful city. Milan has always been a good place for us to play. Tonight we’re here in Florence.

Elisa: I don’t know if you want to define MxPx a Christan band, but a lot people do. A lot of people love you guys but also the punk rock scene doesn’t really get along with anything which deals with religion. How do you explain to yourself the reasons why MxPx made it, while some other good bands – like Slick Shoes, Dogwood – never got the credit they would have deserved?

Mike: I think that’s because, you know, we are really just a band. We don’t try to speak for religion or God, we don’t have all the answers, we just present ideas. I feel like we honestly sing about what we feel

Elisa: Without focusing only on Christian themes..

Mike: Yeah, a lot of people really see us as that band but we’ve been changing on every album. We’re always different. We’re always MxPx but as our personalities change, as our situations change, you adapt your music to that as well.

Elisa: When you write a song, What does inspire you?

Mike: I just start with ideas and I try to write songs with these ideas and being positive. I get inspired by progress, technology, human spirit, meeting people, hearing other people’s stories, living my own stories, my own life. And I think Plan Within Plans is one of the best representation of what I’m trying to do right now. I’m bringing the old style of mxpx into a new mind set for myself. Now it’s a new generation, it’s a new time for MxPx, it’s a new time for the world. Things have been changed so much since we’re a band. 20 years ago cellphones existed but nobody had one cause they were too expensive; communcations, media, social innovations with the online web sites and stuff like that, Jesus, it’s all so different right now .. we bring back nostalgia but we bring back only the good parts of the past and we embrace the good parts of the future.

Elisa: That’s a silly question: Have you ever wrecked (some) hotel rooms?

Mike: Yeah, actually a few.

Elisa: ‘Cause we did once but we had to pay

Mike: It happens but it hasn’t happened in a while. When I wrote the song i was in a hotel room. It was more of a metaphor for what I was going through and it was meant to be a fun song.

Elisa: Mark Hoppus sings in that song…

Mike: Yes, he co-wrote the song with me, not the lyrics but we wrote the music together and he came up with the riff, it was really good. I’ve known Mark for a long time, he’s a very busy person as most as guys in bands are and every now and then we come together and create something cool. But as far as Wrecking Hotel Rooms, we were on tour with The Vandals and The Ataris, that was their first tour actually, very long time ago, and we were lighting up a firework inside an hotel room and everybody was completely wasted. Good memories. And it’s funny because The Ataris wrote a song that mentions that as well, and I wrote a song that kinda vaguely mentions it, but they’re both about the same memory. Wrecking Hotel Rooms was inspired by that but it’s not about that.

Elisa: What’s your favorite song to play live?

Mike: I like playing the new stuffs, but as far as songs people may know my favorite is… I don’t have a favorite.. no, I don’t know. I’ve always said Tomorrow’s Another Day but it’s changed.

Elisa: It depends on the moment, it’s hard to make a choice…

Mike: With the All Stars we play some different songs that we don’t play in the States. We of course play Punk Rawk Show, Chick Magnet, Tomorrow’s another day, classics. But we added some other songs that we never play in the States.

Elisa: That’s the last question, don’t get shocked but it’s a question we ask everyone: What do you think of eggs?

Mike: what do I think whaaaaat?

Elisa: eggs

Mike: Eggs! I love eggs! I like them scrambled, over medium, hard boiled and yeah, eggs are great. Hopefully it’s a good question.

Elisa: Ok, we’re done, thank you for your time, I hope you enjoy the interview. Thank you Mike.

Mike: Yes, thank you!

 

Traduzione in Italiano di Michela Rognoni
Di Elisa Susini

Elisa: Hey Mike! Grazie di essere quì. È la tua primissima volta a Firenze!

Mike: Sì. Siamo appena andati in centro e abbiamo passeggiato e scattato foto, è grandiosa!

Elisa: E’ anche un grande giorno oggi perchè esce Plans Within Plans!

Mike: E’ vero, è il 3 di Aprile e Plans Within Plans è il nuovo album degli Mxpx.

Elisa: Ma prima di parlare del nuovo album, c’è una domanda che tutti mi hanno chiesto di farti e riguarda Yuri e Tom. Loro non sono qui, hanno lavorato all’album ma non sono in tour. Fanno ancora parte della band giusto?

Mike: E’ una situazione strana che non si verifica spesso nella musica ma più di quanto si possa pensare. Ma credo che sia solo una situazione strana con loro che sono ancora nella band ma non vengono in tour, è strano. Il fatto è che Tom e Yuri ora hanno dei lavori a tempo pieno che li soddisfano. Andando in tour è difficile fare soldi e loro avevano bisogno di più soldi. Perciò io sto facendo musica e andando in tour per conto mio con questi ragazzi

Elisa: Riusciremo a vedervi in tour insieme prima o poi?

Mike: Credo di sì, quando finalmente saranno ben inseriti nel loro posto di lavoro perché ora sono nuovi, non possono prendersi troppe ferie. Quando saranno meglio inseriti nel lavoro forse potranno venire in tour.

Elisa: E per quanto riguarda questa idea delle “all stars”? Stai suonando con membri di altre band…

Mike: L’idea delle “all stars” è tipo un cambio di line up in Europa, per questo tour sono i Cancer, grandi musicisti, bravi ragazzi, degli amici. Loro prima suonano come gruppo spalla e poi insieme facciamo i pezzi degli Mxpx. Funziona benissimo. Negli Stati Uniti ho suonato con degli altri ragazzi…

Elisa: Sì, come Kris Roe ad esempio…

Mike: Oh sì, Kris Roe, con lui sono stato in Giappone, Indonesia e Australia. Ma la line up cambia sempre, non ci sono sempre Kris Roe o Chris Wilson, ci sono anche alcuni membri del mio altro gruppo, i Tumbledown. Ma qui in Italia ci sono i Cancer e sono grandi!

Elisa: E per quanto riguarda il nuovo album? Sono passati 5 anni da Secret Weapon, cosa dobbiamo aspettarci da questo nuovo album?

Mike: Bella domanda, spero che sia esattamente quello che la gente vuole sentire dagli MxPx, è più serio rispetto ai nostri vecchi dischi, ma ha lo stesso tipo di attitudine ed energia che avevano i nostri vecchi lavori, è piuttosto veloce e molto melodico.

Elisa: Molto MxPx

Mike: Sì, molto MxPx!

Elisa: Mi piace il titolo, Plans Within Plans, sembra che tu sia occupatissimo avendo tutti questi piani contemporaneamente, come è venuta fuori questa idea?

Mike: Sì è così! Stavo facendo un sacco di cose differenti, la mia altra band – i Tumbledown -, il mio tour da solista, gli MxPx. Plans Within Plans sembrava un nome perfetto.

Elisa: La prossima domanda è proprio sui Tumbledown…

Mike: I Tumbledown sono la mia altra band con cui lavoro quando non lavoro con gli MxPx. E’ tipo un gruppo folk-punk, country, è molto diverso dagli MxPx, ma sono io a cantare e questo lo rende vagamente simile agli MxPx.

Elisa: E se dopo questi 20 anni dovessi fare una lista dei pro e dei contro dell’essere un MxPx?

Mike: Sì i 20 anni sono vicinissimi. Sembra che il tempo sia volato. I pro sono: Ho visitato città stupende, come Firenze e in tutto il mondo, ho conosciuto molte persone, vedere persone che cantano le tue canzoni sul palco è meraviglioso! I contro sono le condizioni di vita, non riuscire a farsi la doccia regolarmente, dormire per terra, in posti assurdi, il viaggio… ed essere lontani dalla propria famiglia, dagli amici, da mia moglie e dai miei cani che considero come dei figli. Questo probabilmente è il tour più lungo che abbia fatto negli ultimi 3,4 anni. Dura un mese. Di solito faccio solo 3 settimane ma mi hanno detto “se fai 3 settimane non puoi andare in Italia” allora ho detto “ok facciamolo di un mese così posso andare in Italia” quindi…sto sacrificando il mio comfort per l’Italia, sì.

Elisa: Parlando dell’Italia…hai dei bei ricordi riguardo a quando sei stato quì precedentemente?

Mike: I concerti in Italia sono stati magnifici, le persone sono stupende…Siamo andati a Venezia con i Bad Religion, è stato fantastico, bellissima città. Milano è sempre stato un bel posto per noi per suonare. Stasera siamo a Firenze.

Elisa: Non so se tu definisca gli MxPx una band cristiana, ma molte persone lo fanno. Molta gente segue voi ma in generale la scena punk rock non va molto d’accordo con niente che riguradi la religione. Come ti spieghi che gli MxPx ce l’abbiano fatta a farsi conoscere in tutto il mondo, mentre altre buone band come gli Slick Shoes, i Dogwood non hanno mai ottenuto il successo che meriterebbero?

Mike: Credo che sia perché noi siamo veramente solo una band. Non cerchiamo di parlare di religione o di Dio, non abbiamo tutte le risposte, semplicemente presentiamo delle idee. Mi sento di dire che noi onestamente cantiamo di quello che proviamo.

Elisa: Senza concentrarvi solo su tematiche Cristiane…

Mike: Sì, molta gente ci vede come quella band ma noi cambiamo in ogni album. Siamo sempre diversi. Siamo sempre gli MxPx ma le nostre personalità cambiano come cambiano le nostre situazioni, la nostra musica dipende anche da questo..

Elisa: Quando scrivi una canzone, cosa ti ispira?

Mike: Parto con delle idee e cerco di scrivere canzoni con queste idee e restando positivo. Vengo ispirato dal progresso, dalla tecnologia, dallo spirito umano, dalle persone che incontro, dal sentire le loro storie, dal vivere le mie storie, la mia vita. E penso che Plans Within Plans sia una delle migliori rappresentazioni di quello che sto cercando di fare ora. Sto portando il vecchio stile degli MxPx in un nuovo (mind set?) per me stesso. Ora c’è una nuova generazione, è un’epoca nuova per gli MxPx, è una nuova epoca per il mondo. Le cose sono cambiate molto da quando siamo una band. 20 anni fa i cellulari esistevano ma nessuno li aveva perché costavano troppo: le comunicazioni, i media, le innovazioni sociali con i siti internet e cose del genere, Gesù, è tutto così diverso adesso…siamo un po’ nostalgici ma ci portiamo dietro solo le cose buone del passato e abbracciamo le cose buone del futuro.

Elisa: Questa è una domanda sciocca: Hai mai distrutto una camera d’albergo? (in inglese “Wrecked hotel rooms”, questa domanda fa riferimento al titolo della canzone “Wrecking Hotel Rooms”)

Mike: Sì, un paio…

Elisa: Perché anche noi l’abbiamo fatto una volta, ma abbiamo dovuto ripagarla…

Mike: E’ successo ma non succede da un po’. Quando ho scritto quella canzone ero in una camera d’albergo. Era più una metafora di quello che stavo passando e doveva essere una canzone divertente.

Elisa: Mark Hoppus canta in quella canzone

Mike: Sì, ha scritto la canzone insieme a me, non il testo ma abbiamo scritto la musica insieme e lui ha inventato quel riff, era davvero bello. Conosco Mark da molto tempo, è una persona molto impegnata come la maggior parte dei membri delle band ed ogni tanto ci ritroviamo insieme e creiamo qualcosa di bello. Ma per quanto riguarda “Wrecking Hotel Rooms”, eravamo in tour con The Vandals e The Ataris, era forse il loro primo tour, moltissimo tempo fa, e stavamo accendendo dei fuochi d’artificio in camera e tutti erano completamente fuori. Bei ricordi. Ed è divertente perché anche gli Ataris hanno scritto una canzone in cui viene citato quel momento, e io ho scritto una canzone che ne fa vagamente riferimento, ma sono entrambe basate sullo stesso ricordo. “Wrecking Hotel Rooms” è ispirata a quello ma non del tutto.

Elisa: Qual è la canzone che preferisci suonare dal vivo?

Mike: Mi piace suonare i pezzi nuovi, ma tra le canzoni che le persone potrebbero conoscere la mia preferita è….non ho una preferita…no non lo so. Ho sempre risposto “Tomorrow’s Another Day” ma è cambiata.

Elisa: Dipende dal momento, è difficile fare una scelta…

Mike: Con gli “All Stars” suoniamo canzoni diverse che non suoniamo negli Stati Uniti. Certo suoniamo Punk Rawk Show, Chick Magnet, Tomorrow’s Another Day, i classici. Ma abbiamo aggiunto alcune canzoni che non abbiamo mai suonato negli Stati Uniti.

Elisa: Ecco l’ultima domanda, non rimanere scioccato, è una domanda che facciamo a tutti: Cosa ne pensi delle uova?

Mike: Cosa penso di cosaaaaa?

Elisa: Delle uova.

Mike: Uova! Adoro le uova! Mi piacciono strapazzate, in camicia , sode e sì le uova sono grandi.
Speri sia una risposta soddisfacente!

Elisa: Certo! Ok abbiamo finito, grazie per averci dato il tuo tempo, spero ti sia divertito. Grazie Mike.

Mike: Certo, grazie a te!

1 commento su “Interview with Mike Herrera from Mxpx @ Flog, Firenze 04/03/2012”

  1. I know this if off topic but I’m looking into starting my own weblog and was wondering what all is required to get set up? I’m assuming having
    a blog like yours would cost a pretty penny? I’m not very internet smart so I’m not 100% sure. Any suggestions or advice would be greatly appreciated. Thank you

    "Mi piace"

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.