Interview with Mr. Tony Lovato from Mest @ Zoe Club, Baggio (Milano) 03/29/2012

By Chiara Cislaghi and Michela Rognoni

Attenzione:c’è anche la traduzione in italiano sotto!

After ages and ages trying to do a decent interview, we finally made it! Yay! After the show, Tony Lovato has been so kind to stop with us to do and this interview. It’s short because the owners wanted to kick us out and we had to cut off two questions, so thank you very much owners. We also want to thank Ed for making this possible and the rest of Mest for a wonderful show.  So, here’s what we got!

Claire- “How’s the tour been so far?”

Tony- “So far it has been amazing, but at this point, it’s the very end, so I really wanna get home, like, I love here, I’ve never been to Italy, is the place where my family was from. There’s a lot of…a lot of countries I have seen on this tour that I hadn’t seen before; in England, I have been there 3 times, and it’s always just cold and rainy and so we used to go like “bus-club-bus”, but this time, we found good weather so it was fine to go around and see things. The tour is 31 days, we played 27 shows, so we haven’t had days off at all, no one day to rest, everyday was just like wake up, a little bit hangover, sleep it off. And some bands that played with us were just better than others but I wanna come back again soon.”

Claire- “Why did you decide to do the reunion now? What has changed?”

Tony- “Well it’s not technically a reunion because if it was a reunion, there would have been a reunion of…
I went on tour – this is the story behind it – I went been on tour with my roommate Craig, who sings for a band called Escape The Fate. I lost my driving licence, I couldn’t drive, so, he was my roommate, so he had a car that we could drive together everywhere and he was going on tour and I said I lost my licence…I had started writing songs there were very similar…like Mest, influenced by the idea of punk rock songs and when I went on tour with him all the kids that were opening for him, all the bands, were big fans of Mest and they would always come up to me and be like “It would be cool to hang out more than tonight”, and the kids on the tour, they were like “Oh, why you are on this tour, what’s going on?” and I said “I’m here with Craig, he’s my roommate”…and all the opening bands, they all came up to me individually to talk to me and tell me how they were fans of Mest…and also the kids in the crowd saw me and were like “What’s going on here?” so I mentioned the idea of making a Mest record and everybody was just like “Fuck yeah! You gotta do it!” so I’ve seen the reactions of people and it just made sense to me. And I think I influenced a lot of the newer bands that were coming…I like those bands a lot and they are all making good records and…it’s one of those things when all the pieces start coming together and I said “Ok, it’s time to make a Mest record” and…it’s definitely different but it’s a Mest record.”

Claire- “How did you come up with the name Mest?”

Tony- Oh man, that’s the oldest story, and it’s simple: there’s a Milwaukee beer named Best -which isn’t this (points at his beer)-. When I was 15, I was just sitting at a kitchen table with the first members of the band, at the band bar…the band-name “Bush” was already taken – the other brewer of the city is called Bush-
So I took the M, put over the B and…Mest.
Not as cool as the story behind the band-name Limp Bizkit.

Claire- “A lot of people think Mest=Tony Lovato. What do you think about that?”

Tony- “That I am Mest?”

Claire- “Yeah”

Tony- “I mean, I get it, if I were to say “Yeah, of course” that would be a conceiting thing to say but I started Mest when I was 15, I came up with the band name, I worked my ass off to record the first record that we did on our own, I got the band signed, I worked on the records…I mean the other guys contributed, of course, and we definitely were a band, I’m not denying that, but, you know, they wrote a couple of songs in each record but it was my thing, it was my idea and is what I worked for and continue to work for…I mean, look at  bands like Social Distortion, where only the singer left…there’s a lot of bands that, you know…the Genesis and Phil Collins, the Police and Sting, so I understand that, you know. There was a lot of kids that got mad that the old guys weren’t there anymore, and I understand that…there is this thing that when you start liking a band at a certain age and then you see new members coming in and it’s not what you remember, but, I mean, things move on too, it’s like when parents get divorced and the kids wants the parents back together but they would just feel miserable, you have to move on. It’s the same thing.”

Claire- “What are the bands that influenced you the most?”

Tony- “The most? When we first started, there was a band called Slapstick and the bassist of this band went with another band called Alkaline Trio. So Slapstick, Goldfinger, Rancid, Nofx, Social Distortion, Mxpx, you know, that all, Face To Face.”

Claire- “Have you seen a generation change between your fans?”

Tony- “Ehm…not really yet, I mean, I’ve seen that the younger kids are usually the younger brothers and sisters of our fans. We definitely have a little bit of an older crowd right now, I mean, I started playing and putting on records when I was the age of fans going to shows, so my fans are my age. But in the States, when we’ll go home, we’re doing a tour called “This World Is Ours Tour” with Escape The Fate and Attack!Attack! and they have a lot of younger fans so I imagine that, after that tour, I’ll see the generation change.”

Claire-“What do you think about eggs?”

Tony- “About what?”

Claire- “Eggs”

Tony-“….oh eggs! I fuckin’ love eggs! Hard boiled, scrambled, I eat ‘em every morning, I definitely love eggs! But if you eat too many hard boiled eggs, they really just make you fart.”

Claire- “What’s the dillio?”

Tony- “I’m not gonna answer that question otherwise you’ll have to erase the interview J ”

Claire- “So, thank you very much.”

Tony- “Thanks hun”

Traduzione in italiano

Dopo aver passato secoli e secoli cercando di fare un’intervista decente, alla fine ce l’abbiamo fatta! Infatti, dopo il concerto, Tony Lovato si è fermato con noi e ci ha concesso un’intervista. E’ corta perché i proprietari dello Zoe volevano cacciarci fuori a calci e quindi abbiamo dovuto tagliare due domane, grazie tante proprietari. Vogliano anche ringraziare Ed che ci ha permesso di realizzare tutto ciò e il resto dei Mest per un concerto fantastico. Quindi, questo è quanto!

Claire: Come sta andando il tour?

Tony: Finora è stato fantastico ma, a questo punto, siamo arrivati alla fine, quindi non vedo l’ora di tornare a casa… Mi piace stare qui, l’Italia è il paese da cui proviene la mia famiglia, e sono stato in molti paesi in cui non ero mai stato prima; in Inghilterra ci sono stato 3 volte e faceva sempre freddo e pioveva e quindi abbiamo sempre fatto “bus-club-bus”, ma questa volta abbiamo trovato bel tempo quindi è stato bello andare in giro e vedere cose. Il tour è stato di 31 giorni e abbiamo fatto 27 concerti, quindi non abbiamo avuto nessun day-off , nessun giorno per riposare, ogni giorno è stato solo svegliarsi dopo una sbornia e smaltirla dormendo. E alcune band che han suonato con noi sono meglio di altre, ma voglio ritornare presto.

Claire: Perché hai deciso di fare la reunion ora? Cosa è cambiato?

Tony: Bè, tecnicamente non è una reunion perché se fosse una reunion avrebbe dovuto esserci una riunione dei…
Sono andato in tour – questa è la storia che c’è dietro – sono stato in tour con il mio compagno di stanza Craig, che canta in una band chiamata Escape The Fate. Mi hanno ritirato la patente e non potevo guidare da nessuna parte quindi, lui era il mio compagno di stanza, aveva una macchina che potevamo usare per andare insieme ovunque e lui stava per andare in tour e io ho detto che mi hanno ritirato la patente…Ho iniziato a scrivere canzoni che erano molto simili…ai Mest, influenzate dall’idea delle canzoni punk rock e quando ero in tour con lui tutti i ragazzi che aprivano per lui, tutte le band, erano grandi fan dei Mest e venivano sempre da me dicendo “Sarebbe figo stare insieme anche altre volte”, e i ragazzi nel tour dicevano “Oh cosa ci fai in questo tour, che succede?” e io rispondevo “Sono qui con Craig, è il mio compagno di stanza”… e tutte le band di spalla venivano da me personalmente per fare due chiacchiere e dirmi quanto erano fan dei Mest…e anche i ragazzi tra il pubblico mi vedevano e si chiedevano cosa ci facessi lì, così ho buttato giù l’idea di fare un nuovo disco dei Mest e la reazione di tutti era: “Fuck Yeah! Devi farlo!” così, vista la reazione della gente, l’idea ha acquistato senso per me. E penso di aver influenzato molte delle nuove band che stanno venendo fuori…mi piacciono molto queste band e stanno tutte facendo dei buoni album e…è una di quelle cose in cui tutti i tasselli cominciano ad incastrarsi, allora ho detto “Ok, facciamo un disco dei Mest” e…è sicuramente diverso, ma è un disco dei Mest.

Claire: Come avete scelto di chiamarvi Mest?

Tony: Oddio, è una storia vecchissima ed è semplice: c’è una birra del Milwaukee chiamata Best – che non è questa (indica la birra calda che sta bevendo)-. Quando avevo 15 anni, ero seduto al tavolo della cucina con i primi membri della band, al bar della band…il nome “Bush” era già stato preso – l’altro birrificio della città si chiama “Bush” -. Allora ho preso la M, tolto la Be….Mest.
Non è figa come la storia dietro al nome Limp Bizkit…

Claire: Molte persone pensano che i Mest siano Tony Lovato. Cosa ne pensi tu a riguardo?

Tony: Che io sono i Mest?

Claire: Sì…

Tony: Voglio dire, capisco che sarei un po’ presuntuoso se dicessi “Si, certo”, ma ho formato i Mest quando avevo 15 anni, ho scelto il nome della band, mi sono fatto il culo per registrare il primo disco che ci siamo autoprodotti , ho firmato un contratto discografico, ho lavorato agli album…voglio dire, gli altri membri del gruppo hanno sicuramente contribuito, e  sicuramente eravamo una band, non lo sto negando però…loro hanno scritto un paio di canzoni in ogni disco ma era una cosa mia, è stata una mia idea ed è quello per cui ho lavorato e continuo a lavorare…intendo dire, guardate le band come i Social Distortion dove è rimasto solo il cantante…ci sono molte band che, sai…i Genesis e Phil Collins, i Police e Sting…so che avete capito. C’erano un sacco di ragazzi che hanno preso male il fatto che i vecchi membri non sono più nella band e lo capisco…c’è questa cosa che quando comincia a piacerti una band ad una certa età e poi vedi arrivare nuovi componenti e non è ciò che ti ricordavi…ma, insomma, il mondo va avanti, è come quando i genitori divorziano e i figli vogliono rimetterli insieme, ma loro starebbero solo male, bisogna andare avanti. È la stessa cosa.

Claire: Quali sono le band che ti hanno influenzato di più?

Tony: Di più? Quando abbiamo iniziato c’era una band chiamata Slapstick e il bassista della band è andato in tour con un’altra band chiamata Alkaline Trio. Quindi Slapstick, Goldfinger, Rancid, NoFX, Social Distortion, Mxpx, Face to Face.

Claire: Hai notato un cambiamento generazionale tra i tuoi fans?

Tony: Ehm…non ancora veramente, voglio dire, ho visto che i ragazzi più giovani di solito sono i fratelli minori dei nostri fans. Abbiamo di certo un po’ di fans più vecchi ora, ho iniziato a suonare e fare dischi quando avevo l’età dei fans che venivano ai concerti, quindi i miei fans hanno la mia età. Ma negli States, quando andremo a casa, faremo un tour chiamato “This World Is Ours Tour” con gli Escape The Fate e gli Attack!Attack! e loro hanno molti fans più giovani quindi immagino che, dopo quel tour, vedrò il cambiamento generazionale.

Claire: Cosa pensi riguardo alle uova?

Tony: Riguardo a cosa?

Claire: Alle uova!

Tony:…ah alle uova! Mi piacciono da matti le uova! Sode, strapazzate, le mangio ogni mattina, mi piacciono davvero tanto le uova! Ma se mangi troppe uova sode, ti fanno fare un sacco di peti.

Claire: What’s the dillio?

Tony: Non risponderò a questa domanda, altrimenti dovrete distruggere questa intervista

Claire: Grazie Mille.

Tony: Grazie tesoro.

3 pensieri riguardo “Interview with Mr. Tony Lovato from Mest @ Zoe Club, Baggio (Milano) 03/29/2012”

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.