I festival in Italia sono sempre i più brutti – Sonisphere day II

 Di Lorenzo De Carolis

(Foto di Flora Mocerino)

La tappa italiana del famoso festival Sonisphere 2011 si ha avuto luogo ad Imola.

(Se ci sarà una prossima edizione in quello stesso posto, consigliamo di munirsi di crema solare)

Il prezzo del biglietto era intorno agli 85 euro, che però, posso dire siano stati spesi benissimo.
La seconda giornata è iniziata con i Rival Sons, che con la loro musica hanno aperto davvero bene le danze (un tizio sotto un loro video su you tube scrisse che loro sarebbero il risultato di una notte di sesso tra wolfmother e led zeppelin -Jimmy-). Subito dopo ecco apparire i The Kids In Glass Houses, gruppo alternative rock/powerpunk che è riuscito ad incantare il pubblico con musica molto piacevole e coinvolgendo durante le canzoni, quasi ai livelli degli headliner della serata a parer mio. Dopo di loro un altro grande gruppo, i Damned Things, gruppo formato da ex membri di Fall Out Boy e Antrax, che hanno reso molto divertente la situazione, e spinto anche loro con grinta il pubblico. Seguono i The Dwarves che hanno portato da Chicago ad Imola la loro musica particolare molto vecchio stile, e il cantante si è esibito in uno stage diving prima di lasciare palco tra le grinfie del gruppo successivo (A me non è piaciuto il loro stile, ma ad altre persone sì ).
Dopo di loro i Funeral For A Friend, primo tra i gruppi attesissimi ad esibirsi. Con il loro pseudo-metal hanno reso la situazione esaltante, con grinta stratosferica hanno richiamato un pogo (all’ una e mezza del pomeriggio) al quale posso dire di essere stato presente e sopravvissuto.

I Kyuss Lives, sono gruppo non degno di nota non avendo trascinato il pubblico – almeno hanno dato un pretesto per riposare -Jimmy- – .

Il sole è ancora piuttosto alto nel cielo quando arrivano i Guano Apes ad iniziare la parte più importante del concerto. Pieni di energia, e molto divertenti, non deludono il loro vasto pubblico. Dopo di loro, i The Cult più che suonare sembrava distribuissero acqua, con oltre 2 pacchi di bottiglie lanciate. Non si meritano nessun altro commento , quindi inizierei a parlarvi del vero e proprio spettacolo con i Sum 41, che hanno portato i fan ad impazzire letteralmente. Uniche due pecche: la tracklist ancora poco rinnovata e i troppi errori con la voce di Deryck, soprattutto nel finale (lo dico a mio malgrado, in quanto suo fan sfegatato). Dopo di loro i My Chemical Romance, gruppo che non amo troppo, oltre qualche loro canzone. Nonostante stessero suonando piuttosto bene, alcuni fan dei Linkin Park con poco spirito gruppo hanno iniziato a tirar loro bottiglie, offenderli e gridare a gran voce per i Linkin Park. A quel punto, il frontman Gerard Way e compagni hanno deciso di abbandonare il palco (deludendo così moltissimi fans. In Italia ci facciamo sempre riconoscere, il rispetto degli altri è il nostro miglior pregio! – Jimmy-).

I Linkin Park, invece, hanno mantenuto le aspettative, con un grande schermo dietro di loro come scenografia e facendo completamente esplodere il Sonisphere con la loro musica ed il loro stile caratteristico. Veramente da 10.

L’ unica nota dolente sono stati i prezzi dei gadget e t-shirt, esagerati ad ogni evento. Si poteva scegliere però di aquistarli subito fuori uguali ma non originali a cifre stracciate (non fate mai una cosa del genere per l’amor del cielo, fareste un torto ai poveri merch guys! – Jimmy-).
Tirando le somme, si è trattato di un concerto favoloso, e se verrà rifatto lo consiglio a tutti quanti, perché, nonostante il prezzo – che ha smorzato molto i partecipanti – ne è valsa la pena.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.